News

News

Meglio l’arretramento che la demolizione delle strutture realizzate sotto le distanze legali

16 Novembre 2020 | di Edoardo Valentino

Cass. civ.

Distanze legali

La demolizione dei balconi realizzati in violazione degli artt. 905 e 907 c.c., può essere evitata laddove vi siano altri rimedi sufficienti a garantire il rispetto delle distanze e all’eliminazione delle vedute abusive. Affinché, però, il giudice pronunci la sentenza indicando mezzi alternativi e idonei accorgimento per impedire di esercitare la veduta su fondo altrui, è necessario che la parte interessata ne faccia esplicita richiesta in giudizio.

Leggi dopo

Violazione delle distanze legali: l’amministratore di condominio non può promuovere l’azione senza l’autorizzazione dell’assemblea

13 Novembre 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Distanze legali

Inammissibile il ricorso proposto dal Condominio che lamenta la violazione delle norme sulle distanze legali da parte della convenuta, la quale aveva edificato un fabbricato sul fondo confinante, a causa della carenza dell’autorizzazione ex art. 1131 c.c. da parte dell’assemblea nei confronti dell’amministratore di condominio ai fini della proposizione del ricorso, essendo essa necessaria quando si tratti di promuovere azioni reali contro terzi a difesa dei diritti dei condomini su parti comuni dell’edificio.

Leggi dopo

Sismabonus e cambio di destinazione

11 Novembre 2020 | di Redazione scientifica

Recupero edilizio

In relazione agli interventi antisismici, la detrazione del 110% spetta anche nel caso in cui la destinazione d’uso residenziale dell’immobile, prima adibito a ricovero degli attrezzi agricoli e fienile, risulti alla fine dei lavori (Risp. AE 9 novembre 2020 n. 538).

Leggi dopo

Vano sottoscala: proprietà esclusiva o parte comune?

09 Novembre 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Parti comuni (presunzione e titolo contrario)

Il singolo condomino non può vantare alcun diritto di proprietà esclusiva in virtù di un precedente testamento sul vano sottoscala il quale, per effetto del nuovo assetto immobiliare post-ricostruzione intervenuto dopo la formazione del testamento e prima della morte del de cuius, sia venuto a ricomprendersi nelle parti comuni ex art. 1117 c.c.

Leggi dopo

Il balcone è comune solo nella parte in cui svolge funzione di copertura per il piano sottostante

06 Novembre 2020 | di Edoardo Valentino

Cass. civ.

Balconi

Un balcone/veranda viene considerato a tutti gli effetti una parte comune solo se svolge una funzione di copertura e isolamento per l’abitazione posta al piano inferiore. Se tale funzione è svolta solo da una parte del manufatto, allora soltanto questa porzione sarà considerabile come parte comune, mentre il resto sarà assoggettato al regime delle parti private.

Leggi dopo

Il comportamento del conduttore che arreca molestia ai vicini è motivo di inadempimento contrattuale

04 Novembre 2020 | di Nicola Frivoli

Cass. civ.

Conduttore (obblighi)

La condotta del conduttore è motivo di abuso di bene locato, se rinviene da atti molesti volti a recare danno agli altri abitanti dello stabile. E’ oltremodo ravvisabile l’inadempimento contrattuale qualora, anche in assenza di modificazione di fatto dell’immobile o cambio della destinazione d’uso, l’uso possa comunque pregiudicare il valore dell’immobile stesso, ciò in applicazione dell’art. 1587 c.c.

Leggi dopo

Se il regolamento condominiale vieta le attività commerciali, il bed and breakfast deve chiudere

03 Novembre 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento di condominio (limiti)

L’attività di affittacamere deve essere assimilata a quella imprenditoriale alberghiera, in quanto tale attività, pur differenziandosi per le sue modeste dimensioni, presenta natura analoga, comportando, non diversamente da un albergo, un’attività imprenditoriale, un’azienda ed il contatto diretto con il pubblico.

Leggi dopo

Decreto Ristori. Gli aspetti principali in ambito immobiliare

30 Ottobre 2020 | di Redazione scientifica

d.l.

Canone (riduzione e autoriduzione)

Il bonus sulle locazioni di immobili non ad uso abitativo può essere richiesto anche per i mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Leggi dopo

La legittimazione dell’amministratore all’azione di rivendica di un locale caldaia sottoposto alla vendita all’asta

28 Ottobre 2020 | di Maurizio Tarantino

Cass. civ.

Amministratore (legittimazione attiva)

Le azioni reali da esperirsi contro i singoli condomini o contro terzi e dirette ad ottenere statuizioni relative alla titolarità, al contenuto o alla tutela dei diritti reali dei condomini su cose o parti dell'edificio condominiale che esulino dal novero degli atti meramente conservativi, possono essere esperite dall'amministratore solo previa autorizzazione dell'assemblea, ex art. 1131 primo comma c.c., adottata con la maggioranza qualificata di cui all'art. 1136 c.c..

Leggi dopo

Abbattimento e reimpianto di alberi ornamentali: i condomini devono partecipare alle spese?

27 Ottobre 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Spese (obbligo di contribuzione)

Qualora gli alberi rientranti nella proprietà esclusiva di uno dei proprietari arrechi l’utilità di elemento ornamentale dell’intero edificio, tutti i condomini sono tenuti a contribuire alle spese per il loro abbattimento e reimpianto, in quanto utili alla conservazione del decoro architettonico.

Leggi dopo

Pagine