News

News su Regolamento di condominio (limiti)

Niente risarcimento per il condomino in caso di recesso del conduttore che esercita un’attività vietata dal regolamento condominiale

17 Gennaio 2022 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento di condominio (limiti)

Il Condominio non risponde per le eventuali molestie di un condomino verso un altro e non è responsabile dei danni arrecati al singolo condomino se agisce per far rispettare il regolamento condominiale.

Leggi dopo

Necessaria la revisione delle tabelle millesimali in caso di alterazione dei valori dei singoli piani del Condominio

25 Giugno 2021 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento di condominio (limiti)

In materia di condominio negli edifici, le tabelle millesimali possono essere riviste e modificate (anche nell’interesse di un solo condomino) se è notevolmente alterato il rapporto originario dei valori dei singoli piani o porzioni di piano.

Leggi dopo

L’affitto per finalità turistiche di breve durata viola il regolamento condominiale?

24 Maggio 2021 | di Redazione scientifica

App. Milano

Regolamento di condominio (limiti)

Secondo l’art. 51, d.l. n. 79/2011, le locazioni di breve durata stipulate da alcuni condomini sono riconducibili a quelle per finalità turistiche per brevi periodi non superiori a 30 giorni. Ne consegue che esse non si distinguano dunque dalle ordinarie locazioni, connotandosi solo per la loro durata transitoria.

Leggi dopo

Esclusa la riferibilità alla condotta del condominio dei danni subiti dal proprietario della pizzeria costretto a chiudere

25 Novembre 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento di condominio (limiti)

Pronunciandosi sul ricorso proposto dal proprietario della pizzeria che chiedeva il risarcimento dei danni subiti in seguito alla chiusura del locale commerciale, la Cassazione ha chiarito che la presentazione di una denuncia, come di un esposto, all’autorità giudiziaria o amministrativa, seppur rivelatasi infondata, non può essere fonte di responsabilità per danni a carico del denunciante o dell’esponente, ai sensi dell’art. 2043 c.c., se non quando possano considerarsi calunniosi.

Leggi dopo

Se il regolamento condominiale vieta le attività commerciali, il bed and breakfast deve chiudere

03 Novembre 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento di condominio (limiti)

L’attività di affittacamere deve essere assimilata a quella imprenditoriale alberghiera, in quanto tale attività, pur differenziandosi per le sue modeste dimensioni, presenta natura analoga, comportando, non diversamente da un albergo, un’attività imprenditoriale, un’azienda ed il contatto diretto con il pubblico.

Leggi dopo

L'immobile in condominio non può essere adibito a centro estetico in quanto attività diversa dall'ufficio

30 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento di condominio (limiti)

Con la previsione del regolamento condominiale inerente "uffici e studi professionali" si intende riferirsi alle professioni intellettuali di cui all'art. 2229 e ss. c.c., rendendo perciò illecita l'utilizzazione dell'appartamento per l'esercizio di un centro di estetica, in quanto attività commerciale esclusa dal regolamento e in quando attività diversa dall'ufficio.

Leggi dopo

È valida la delibera che vieta l’attività di ristorazione anche quando il regolamento ammette le attività commerciali?

10 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ

Regolamento di condominio (limiti)

In tema di limiti regolamentari, l’esigenza di chiarezza e di univocità comporta che il contenuto e la portata di detti divieti vengano determinati fondandosi in primo luogo sulle espressioni letterali usate.

Leggi dopo

Legittima la clausola del regolamento che esclude la ristorazione solo in alcuni locali

14 Gennaio 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento di condominio (limiti)

Nel regolamento condominiale è valida la specifica pattuizione volta a limitare l’esercizio, dell’attività di ristorazione, riferita ad un solo locale o a locale individuato. Difatti, tale divieto non può essere superato o aggirato mediante la unificazione di locali non oggetto di pattuizione e di divieto.

Leggi dopo