Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Assemblea ed amministratore possono, con i propri atti, cadere nell'eccesso di potere

17 Novembre 2021 | di Adriana Nicoletti

Trib. Torino

Eccesso di potere

Il Tribunale di Torino, chiamato a decidere su un possibile abuso di potere commesso dall'assemblea di un condominio, nel motivare la sentenza, si pone in perfetta sintonia con la giurisprudenza di legittimità riguardo alla definizione dell'eccesso di potere, alla sua natura ed ai limiti che l'autorità giudiziaria incontra nella sua valutazione. La sentenza, tuttavia, va aldilà della sfera che riguarda l'organo collegiale e sfiora anche la posizione dell'amministratore, che potrebbe rendersi responsabile, verso l'ente gestito, di un comportamento palesemente arbitrario.

Leggi dopo

Il regolamento condominiale c.d. futuro continua ad essere ritenuto nullo

15 Novembre 2021 | di Adriana Nicoletti

Trib. Torino

Regolamento contrattuale (opponibilità)

Con la sentenza in esame, il giudice di merito ha ribadito la nullità del regolamento condominiale c.c. futuro, redatto dal venditore ed oggetto di accettazione, al buio, da parte degli acquirenti nell'atto di compravendita. Solo il conferimento di una procura speciale, inserita quale parte integrante dell'atto di acquisto, può rendere il regolamento in bianco valido a tutti gli effetti.

Leggi dopo

Negozi chiusi per il covid-19? valida l'escussione della fideiussione a prima richiesta

11 Novembre 2021 | di Edoardo Valentino

Trib. Roma

Canone (riduzione e autoriduzione)

Nell'àmbito dell'emergenza Covid-19, il Tribunale di Roma stabilisce alcuni importanti principi a valere per le locazioni di immobili ad uso commerciale: in prima battuta, risulta valido da parte del proprietario ordinare la consegna di una fideiussione a garanzia del canone; in secondo luogo, il canone deve comunque essere pagato, in quanto anche con il Covid-19, l'immobile giuridicamente non perde le propria utilità; da ultimo, non legittima l'annullamento o la rinegoziazione del contratto la perdita di produttività del negozio dovuta a minore o inesistente sopravvenuto passaggio di persone.

Leggi dopo

Il sequestro preventivo penale rende nulla la delibera approvata sui beni gravati dalla misura cautelare

08 Novembre 2021 | di Vito Amendolagine

Cass. civ.

Vizi delle delibere assembleari (nullità/annullabilità)

La Cassazione, con un'innovativa pronuncia, in ordine alla quale non constano precedenti in termini, afferma il principio di diritto secondo cui il sequestro preventivo penale, avente oggetto le unità immobiliari di proprietà esclusiva e le parti comuni di un edificio condominiale, colpisce i diritti e le facoltà individuali inerenti al diritto di condominio, le attribuzioni dell'amministratore ed i poteri conferiti all'assemblea in materia di gestione dei beni comuni, con la conseguente nullità della deliberazione approvata dall'assemblea medesima nel periodo di efficacia del suddetto sequestro penale.

Leggi dopo

Servitù di passaggio carrabile e/o pedonale: costituzione, estensione e modalità di esercizio

04 Novembre 2021 | di Adriana Nicoletti

Trib. Torino

Servitù (costituzione e contenuto)

Gli elementi, che costituiscono la sostanza della servitù di passaggio, per il traffico di automezzi o per il transito delle persone, caratterizzano una decisione del Tribunale di Torino, il quale si è confrontato con i punti qualificanti dell'istituto, rispetto ai quali la giurisprudenza ha espresso, nel tempo, linee guida decisive per risolvere le possibili controversie nascenti dai contrapposti interessi dei proprietari dei due fondi: dominante e servente.

Leggi dopo

È l’assemblea che sceglie la modalità per determinare l’ammontare del compenso non ordinario dell’amministratore

29 Ottobre 2021 | di Adriana Nicoletti

Trib. Torre Annunziata

Amministratore (compenso)

In una recente sentenza, è stata nuovamente affrontata la questione del legittimo riconoscimento all’amministratore di un corrispettivo ulteriore nel caso l’esecuzione di lavori straordinari richieda lo svolgimento di adempimenti che esulano dalle sue attribuzioni. L’aspetto interessante emerso dal provvedimento è che, una volta raggiunto l’accordo tra le parti e revocato l’amministratore anticipatamente o, comunque, prima del completamento delle opere, trovano ancora spazio incertezze in merito alla corretta liquidazione del compenso.

Leggi dopo

Sulla tempestività dell'azione di reintegra nel possesso

25 Ottobre 2021 | di Luca Conte

Cass. civ.

Mediazione e opposizione a decreto ingiuntivo

La questione esaminata dalla Corte di cassazione può essere sintetizzata come segue: nell'ambito di un'azione di reintegrazione del possesso, esperita a seguito di uno spoglio clandestino, il termine di decadenza annuale per il relativo esercizio decorre da quando il ricorrente sia venuto effettivamente a conoscenza dello spoglio oppure da quando egli sia stato nella condizione di potersene accorgere usando la diligenza ordinaria e su chi grava il connesso onere probatorio?

Leggi dopo

È nullo il contratto di locazione ad uso abitativo privo di forma scritta

20 Ottobre 2021 | di Nicola Frivoli

Trib. Torino

Forma (contratto di locazione)

Il giudicante è stato chiamato ad accertare la validità di un contratto di locazione ad uso abitativo, priva di forma ad substantiam.

Leggi dopo

Consumo idrico: lecita la delibera che consente la ripartizione mista consumi/millesimi

19 Ottobre 2021 | di Maurizio Tarantino

Trib. Roma

Impianto idrico e fognario

Chiamato ad accertare la legittimità della delibera, nella parte in cui l'assemblea approvava un criterio misto di ripartizione delle spese idriche, il Tribunale capitolino adìto ha precisato che, in presenza di un condominio nel quale è impossibile l'installazione di un contatore di registrazione del consumo idrico per ogni unità immobiliare, mentre è possibile l'allocazione solo per quelle ad uso commerciale, è lecita la delibera che consente la ripartizione mista consumi/millesimi.

Leggi dopo

L'abbandono dell'immobile di edilizia residenziale pubblica per oltre un trimestre giustifica la decadenza dall'aggiudicazione

15 Ottobre 2021 | di Vito Amendolagine

Trib. Torino

Edilizia residenziale pubblica

Il Tribunale di Torino esamina un'interessante quaestio iuris introdotta con l'opposizione alla revoca dell'assegnazione di un alloggio di edilizia residenziale pubblica, disposta quale conseguenza derivante dall'accertato allontanamento ingiustificato dell'assegnatario per un periodo di tempo superiore ad un trimestre, senza avere ricevuto il preventivo assenso dall'amministratore dell'ente pubblico. Il Tribunale, ritenuta la propria giurisdizione, rigetta l'opposizione per manifesta infondatezza delle relative argomentazioni, non risultando proposta querela di falso avverso gli accertamenti compiuti dalla polizia locale.

Leggi dopo

Pagine