Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Configurabile la responsabilità ex art. 1669 c.c. anche in caso di lavori di mera ristrutturazione

19 Marzo 2021 | di Katia Mascia

Cass. civ.

Responsabilità per parti comuni in custodia

La sentenza emessa dal Tribunale di Verona affronta la questione della configurabilità della garanzia ex art. 1669 c.c. nell'ipotesi di lavori di mera ristrutturazione, uniformandosi ad un orientamento positivo di legittimità.

Leggi dopo

La delibera di nomina dell'amministratore è valida anche se richiama il compenso percepito l'anno precedente

17 Marzo 2021 | di Maurizio Tarantino

Trib. Busto Arsizio

Amministratore (compenso)

Chiamato ad accertare la legittimità della delibera assembleare, il Tribunale adito ha precisato che il richiamo al compenso percepito dall'amministratore l'anno precedente equivaleva ad un'indicazione di un compenso espresso, numericamente determinato e inequivocabilmente indeterminabile, per cui non era possibile parlare, in merito, di una nullità. A causa della ratifica dell'assemblea, è stata dichiarata, quindi, cessata la materia del contendere.

Leggi dopo

Nel procedimento di mediazione per rappresentare la parte assente serve una procura speciale autenticata?

11 Marzo 2021 | di Vito Amendolagine

Trib. Salerno

Mediazione obbligatoria (condominio)

La parte che non voglia o non possa partecipare alla mediazione può farsi liberamente sostituire da chiunque e quindi anche dal proprio difensore, ma deve rilasciare a questo scopo una procura sostanziale autenticata da notaio.

Leggi dopo

Legittima la delibera che suddivide le rendite derivanti dai canoni di locazione in compensazione degli importi dovuti in ragione dei millesimi di proprietà

09 Marzo 2021 | di Alberto Celeste

Cass. civ.

Rendiconto condominiale

Con l’ordinanza in commento, si è confermata la decisione della Corte capitolina che, in linea con il Tribunale, aveva rigettato l’impugnativa avverso la deliberazione assembleare, la quale aveva suddiviso le rendite derivanti dai canoni di locazione in compensazione degli importi dovuti a titolo di contributi da ciascun condomino in ragione dei millesimi di proprietà, atteso che tale decisione, espressione del potere discrezionale dell'assemblea, non pregiudica l'interesse dei condomini alla corretta gestione del condominio, né il loro diritto patrimoniale all'accredito della proporzionale somma, perché compensata dal corrispondente minore addebito degli oneri di contribuzione alle spese.

Leggi dopo

Il condominio é un “non consumatore” a dirlo l’arbitro bancario finanziario

03 Marzo 2021 | di Alberto Celeste

Arbitro Bancario Finanziario

Condominio-consumatore

Con una recente pronuncia, l'Arbitro Bancario Finanziario - dovendo verificare, in via preliminare, la correttezza della sua composizione come collegio decidente, atteso che il ricorrente condominio, nel denunciare come illegittimo il comportamento dell'intermediario riguardo al blocco di un suo conto corrente oggetto di pignoramento presso terzi, si era qualificato come “consumatore” - ha negato tale qualifica sul presupposto che il condominio, soprattutto alla luce della Riforma entrata in vigore il 18 giugno 2013, costituisce un ente distinto dalle persone fisiche che lo compongono ed è dotato di autonoma soggettività giuridica, sicchè non soddisfa una delle condizioni contemplate dalla direttiva europea per l'applicabilità della normativa consumeristica.

Leggi dopo

Ancora a proposito della rinegoziazione del canone nel caso delle locazioni commerciali

02 Marzo 2021 | di Paolo Scalettaris

Trib. Roma

Canone (riduzione e autoriduzione)

L’ordinanza in commento prende in considerazione gli sviluppi di un procedimento d’urgenza ex art. 700 c.p.c. promosso dal conduttore di un immobile destinato ad attività commerciale la cui attività era stata inibita dai provvedimenti emergenziali. Il Tribunale accoglie l’istanza del conduttore, disponendo in via cautelare la riduzione del canone del 40% per i mesi di aprile e maggio 2020 e del 20% per il periodo da giugno 2020 a marzo 2021, nonché la sospensione fino ad un’esposizione debitoria di 30.000 euro della fideiussione volta a garantire le obbligazioni di pagamento del conduttore, ritenendo che il locatore non avesse dato adempimento all’obbligo - su di lui gravante - di rinegoziazione del canone in relazione alle conseguenze dell’emergenza da pandemia da coronavirus.

Leggi dopo

Il locatore è responsabile nei confronti di terzi per i danni causati dagli impianti di proprietà esclusiva

01 Marzo 2021 | di Nicola Frivoli

Trib. Massa

Locatore (obblighi)

Il giudicante è stato chiamato ad accertare l'idoneità al nocumento e la conseguente responsabilità del locatore per i danni arrecati a terzi, rinvenienti da infiltrazioni causate dagli impianti di esclusiva proprietà.

Leggi dopo

Clausola compromissoria nel contratto di locazione ultranovennale e tutela ex art. 1341 c.c.

26 Febbraio 2021 | di Mattia Caputo

Cass. civ.

Clausola compromissoria (locazione)

La clausola compromissoria, che laddove sia stata predisposta unilateralmente costituisce una clausola c.d. «vessatoria» a norma dell'art. 1341 c.c., può applicarsi anche ai contratti di locazione ultranovennale?

Leggi dopo

Occlusione della fogna condominiale: profili di nullità della delibera

24 Febbraio 2021 | di Maurizio Tarantino

Trib. Salerno

Impianto idrico e fognario

Chiamato ad accertare la legittimità della delibera, nella parte in cui l'assemblea addebitava ad alcuni condomini le somme relative al risarcimento del danno - derivati all'appartamento di altra condomina a causa dell'occlusione della fognatura condominiale posta a valle dell'appartamento di questa - il Tribunale adito ha precisato che, senza l'effettiva responsabilità accertata e riconosciuta dal condomino, l'Assemblea non può addebitare le relative spese. Di conseguenza, la delibera è stata annullata.

Leggi dopo

Leasing traslativo tra risoluzione del contratto per inadempimento dell'utilizzatore e successivo fallimento di quest'ultimo

24 Febbraio 2021 | di Alberto Celeste

Cass. civ.

Leasing immobiliare

Le Sezioni Unite - fatte alcune doverose premesse di ordine generale sull'attività interpretativa rimessa al giudice (anche nella sua declinazione c.d. storico-evolutiva), sul procedimento ermeneutico analogico, sul principio di irretroattività della legge, e sulla tutela del legittimo affidamento nella certezza del diritto - non hanno ritenuto di dare seguito all'orientamento giurisprudenziale più recente, affermando, invece, che debba assicurarsi continuità al diritto vivente di risalente formazione - ma ribadito anche da pronunce successive a quella portatrice di overruling - che ha costantemente tratto dall'art. 1526 c.c., in forza dell'interpretazione analogica, la disciplina atta a regolare gli effetti della risoluzione per inadempimento di contratto di leasing immobiliare traslativo verificatasi prima dell'entrata in vigore della l. n. 124/2017 e del fallimento dell'utilizzatore resosi inadempiente.

Leggi dopo

Pagine