Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Vendita dell’immobile locato e sorti della fideiussione accessoria

10 Giugno 2021 | di Alberto Celeste

Cass. civ.

Trasferimento della cosa locata

Il Supremo Collegio, sia pure dichiarando il ricorso inammissibile, ha enunciato ai sensi dell'art. 363, comma 3, c.p.c. - e, quindi, ancorché senza alcun effetto sul provvedimento oggetto del ricorso per cassazione - il “principio nell'interesse della legge”, segnatamente offrendo le corrette direttive al fine di verificare se la prestazione di una garanzia personale (nella specie, una fideiussione) si trasferisca, insieme con il contratto di locazione cui accede, a seguito della vendita dell'immobile locato, considerando le specificità del caso concreto e ponendo, in particolare, l'attenzione con riferimento all'obbligo, al credito garantito, alla posizione del terzo che si sia reso garante senza essere debitore e alle connesse relazioni a più lati.

Leggi dopo

La lesione del decoro architettonico tra interessi della comunità e del singolo condomino

08 Giugno 2021 | di Adriana Nicoletti

Trib. Milano

Decoro architettonico

Dottrina e giurisprudenza si sono spesso espresse sulla nozione di decoro architettonico, anche al fine di mettere a fuoco quali siano i parametri per individuare, concretamente, quando l’aspetto esterno dello stabile condominiale sia stato violato. Tale lesione può essere attribuita al condominio, quando l’intervento sia frutto di una decisione collegiale, ma molto più spesso è il singolo condomino a compiere, nella sua proprietà esclusiva, opere che producono un impatto negativo sulla facciata dell’edificio. La sentenza del Tribunale di Milano aggiunge un ulteriore contributo in tale indagine conoscitiva.

Leggi dopo

Lastrico solare: legittima la delibera assembleare che prevede il rifacimento dell'intera copertura

03 Giugno 2021 | di Katia Mascia

Trib. Catania

Lastrico solare

La sentenza emessa dal Tribunale etneo affronta la questione della ripartizione delle spese di riparazione o ricostruzione del lastrico solare, ex art. 1126 c.c., nonchè la possibilità per l'assemblea di di deliberare lavori diversi da quelli determinati dalla sentenza n. 2593/2015 del Tribunale di Catania ed, in particolare, il rifacimento dell'intera copertura del lastrico solare.

Leggi dopo

Irregolarità urbanistiche tra profili di giurisdizione, diritti di veduta e distanze legali

03 Giugno 2021 | di Adriana Nicoletti

Trib. Massa

Vedute e luci

La decisione in commento, oltre a ribadire il principio, più che consolidato, che disciplina il rapporto tra giurisdizione amministrativa ed ordinaria nelle controversie aventi ad oggetto gli abusi e le irregolarità di carattere urbanistico/edilizio, ha affrontato ulteriori questioni di indubbio interesse nei rapporti di vicinato e che, concernendo non solo la materia delle distanze legali, hanno meritato un approfondimento anche alla luce della giurisprudenza più rilevante della Cassazione.

Leggi dopo

Vendita dell'immobile locato e surrogazione del terzo acquirente nel contratto di locazione (e di fideiussione)

01 Giugno 2021 | di Alberto Celeste

Cass. civ.

Trasferimento della cosa locata

In tema di locazione, ove ricorrano i presupposti di cui all'art. 1599 c.c., l'acquirente della cosa locata subentra ex lege, ai sensi dell'art. 1602 c.c., all'originario locatore, anche nel rapporto obbligatorio di garanzia costituito tra quest'ultimo ed il suo fideiussore, soltanto se tale obbligazione possa ritenersi “derivante” dal contratto di locazione (in quanto ne abbia costituito una clausola da esso inscindibile) e non sia venuta meno per specifiche intese tra le parti originarie.

Leggi dopo

Il tardivo pagamento del canone non comporta automaticamente la risoluzione della locazione

27 Maggio 2021 | di Vito Amendolagine

Trib. La Spezia

Risoluzione del contratto di locazione per fatto del conduttore

Il Tribunale di La Spezia esamina un'interessante questione concernente le conseguenze derivanti dal tardivo adempimento del pagamento di un numero limitato dei canoni di locazione, la cui valutazione poggia sulla corretta ed equilibrata interpretazione del dettato normativo riferito al combinato disposto degli artt. 1218, 1223, 1455 c.c.

Leggi dopo

Errata raccolta differenziata e responsabilità del condominio

26 Maggio 2021 | di Maurizio Tarantino

Trib. Roma

Responsabilità per parti comuni in custodia

Chiamato ad accertare la legittimità della pronuncia di condanna del Giudice di Pace nei confronti del condominio per errato conferimento dei rifiuti, il Tribunale adìto ha evidenziato che lo spazio condominiale utilizzato per la custodia dei contenitori e la presenza dei rifiuti irregolarmente conferiti rappresentava la cosa oggetto di violazione prevista dall'art. 6 della l. 689/1981...

Leggi dopo

La portata del giudicato di annullamento della delibera di assemblea condominiale

25 Maggio 2021 | di Giulio Cicalese

Cass. civ.

Impugnazione della delibera (legittimazione attiva e passiva)

Il giudicato di annullamento della delibera di assemblea condominiale ha portata meramente negativa, in quanto si limita a precludere l'approvazione di un atto affetto dai medesimi vizi; esso, quindi, per via del meccanismo previsto dall'art. 34 c.p.c., non si estende automaticamente anche alla validità della norma del regolamento di condominio la cui violazione ha generato l'atto viziato.

Leggi dopo

Limiti alla trasformazione del tetto comune in terrazza esclusiva da parte del proprietario dell'unità immobiliare sottostante

24 Maggio 2021 | di Alberto Celeste

Cass. civ.

Tetto

Il Supremo Collegio si è occupato di una fattispecie abbastanza frequente nella realtà condominiale, riguardante l'iniziativa, da parte del proprietario dell'unità immobiliare sottostante al tetto comune del fabbricato, volta a trasformare tale tetto in terrazza esclusiva, al fine di aggiungere uno spazio all'aperto al suo appartamento ed aumentare la luminosità della stanza situata nel sottotetto; anche se i principi espressi vanno “calati” alla fattispecie concreta sottoposta all'esame dei giudici di legittimità - il che ha, talvolta, dato luogo a verdetti contrastanti sulla liceità della stessa iniziativa - la pronuncia in commento contiene, comunque, opportune precisazioni sia con riferimento al rifacimento dell'edificio in caso di perimento parziale, sia in ordine alla corretta perimetrazione dell'ordine giudiziale di ripristino dello stato dei luoghi.

Leggi dopo

Giuridica esistenza e rappresentanza del supercondominio

20 Maggio 2021 | di Guerino De Santis

Trib. Catania

Supercondominio (assemblea e amministratore)

Il c.d. supercondominio ha trovato specifico riconoscimento nell'art. 1117-bis c.c., lasciando però grossi vuoti interpretativi inerenti la sua giuridica esistenza, nonché la rappresentanza in giudizio e di fronte ai terzi. Prima della riforma del condominio (l. n. 220/2012), la giurisprudenza ha pacificamente parlato di supercondominio ogni volta che vi è un raggruppamento di edifici, costituenti autonomi condominii anche strutturalmente separati, che abbia spazi e beni di comune proprietà o servizi destinati all'uso comune al quale sono applicabili le norme relative al condominio in relazione alle parti comuni di cui all'art. 1117 c. c. Il Tribunale di Catania con l'ordinanza collegiale in commento ha dipanato, in maniera esemplare, due aspetti controversi che hanno visto confrontarsi dottrina e giurisprudenza: la genesi del supercondominio e la sua rappresentanza.

Leggi dopo

Pagine