Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Amministratore (compenso)

Compenso amministratore e nullità della nomina

26 Aprile 2022 | di Massimo Ginesi

App. Brescia

Amministratore (compenso)

La Corte d’Appello di Brescia riforma una sentenza del Tribunale di Cremona, che aveva dichiarato la nullità della delibera di nomina dell’amministratore, sull’assunto che lo stesso non avesse allegato, in sede di nomi-na, adeguata specificazione del proprio compenso, rilevando che l’amministratore, affinché la sua nomina non sia viziata, è tenuto a specificare il compenso al momento dell’accettazione e che, in ogni caso, nel fatti-specie esaminata, risultava per tabulas che l’indicazione fosse stata effettuata, ma non fosse pervenuta nell’alveo processuale per un’erronea applicazione dell’istituto della rimessione in termini da parte del giudice di prime cure. Il giudice distrettuale lombardo precisa che la specificazione del compenso non costituisce necessariamente requisito di validità della delibera, ma deve sussistere al momento della accettazione dell’incarico

Leggi dopo

È l’assemblea che sceglie la modalità per determinare l’ammontare del compenso non ordinario dell’amministratore

29 Ottobre 2021 | di Adriana Nicoletti

Trib. Torre Annunziata

Amministratore (compenso)

In una recente sentenza, è stata nuovamente affrontata la questione del legittimo riconoscimento all’amministratore di un corrispettivo ulteriore nel caso l’esecuzione di lavori straordinari richieda lo svolgimento di adempimenti che esulano dalle sue attribuzioni. L’aspetto interessante emerso dal provvedimento è che, una volta raggiunto l’accordo tra le parti e revocato l’amministratore anticipatamente o, comunque, prima del completamento delle opere, trovano ancora spazio incertezze in merito alla corretta liquidazione del compenso.

Leggi dopo

Solo la regolare tenuta della contabilità prova il credito vantato dall'amministratore di condominio

28 Giugno 2021 | di Luca Malfanti Colombo

Trib. Torino

Amministratore (compenso)

La fattispecie sottoposta all'esame del giudice di merito aveva per oggetto la verifica della validità o meno della richiesta avanzata dal condominio di essere liberato dalla pretesa dell'ex amministratore alla refusione delle spese da questi personalmente anticipate nell'interesse della medesima compagine condominiale. Il tutto tenendo conto che tali anticipazioni erano state effettuate dal gestor con modalità tali da incidere negativamente sulle risultanze contabili della res communis, tanto da comportare la contestuale violazione, da parte di quest'ultimo, di plurime disposizioni normative quali, fra tutte, l'art. 1129, comma 12, n. 4), c.c.

Leggi dopo

La delibera di nomina dell'amministratore è valida anche se richiama il compenso percepito l'anno precedente

17 Marzo 2021 | di Maurizio Tarantino

Trib. Busto Arsizio

Amministratore (compenso)

Chiamato ad accertare la legittimità della delibera assembleare, il Tribunale adito ha precisato che il richiamo al compenso percepito dall'amministratore l'anno precedente equivaleva ad un'indicazione di un compenso espresso, numericamente determinato e inequivocabilmente indeterminabile, per cui non era possibile parlare, in merito, di una nullità. A causa della ratifica dell'assemblea, è stata dichiarata, quindi, cessata la materia del contendere.

Leggi dopo

La mancata specificazione del compenso dell'amministratore di condominio comporta la nullita' della nomina?

20 Agosto 2020 | di Nicola Frivoli

Trib. Udine

Amministratore (compenso)

Il giudicante è stato chiamato ad accertare la fondatezza di un atto di opposizione a decreto ingiuntivo da parte di un condominio inerente la nullità, invalidità ed inefficacia della nomina di un amministratore di condominio, con susseguente revoca del provvedimento monitorio.

Leggi dopo

Credito nei confronti del condominio: l'amministratore è tenuto a fornire la documentazione in suo esclusivo possesso

31 Luglio 2020 | di Katia Mascia

Trib. Milano

Amministratore (compenso)

La pronuncia del Tribunale di Milano consente di affrontare il tema del riparto dell'onere probatorio, temperato dall'esistenza del principio di origine giurisprudenziale della vicinanza dei mezzi di prova, in virtù del quale il suddetto onere viene ripartito tenendo conto, in concreto, della possibilità per l'uno o per l'altro soggetto di provare fatti e circostanze che ricadono nelle rispettive sfere di azione.

Leggi dopo

Nomina dell'amministratore e omessa (o differita) indicazione del compenso

19 Agosto 2019 | di Claudio Tedeschi

Trib. Massa

Amministratore (compenso)

Il Tribunale di Massa ha dichiarato la nullità della delibera con cui l'assemblea condominiale, nominando l'amministratore, non ne aveva determinato il compenso ed aveva differito la sua quantificazione ad un successivo momento, prescindendo dall'intervento di alcun ulteriore deliberato assembleare.

Leggi dopo

Amministratore revocato prima della scadenza: problemi interpretativi sul diritto al compenso residuo

11 Giugno 2019 | di Guerino De Santis

Trib. Bologna

Amministratore (compenso)

Il rapporto giuridico tra l’amministratore e il condominio è inquadrato nello schema del contratto di mandato oneroso. All’uopo il legislatore del 2012 ha previsto, in un’ottica di trasparenza, che l’amministratore presenti all’assemblea, al momento della decisione sulla nomina, un preventivo del compenso in modo da consentire una adeguata e serena valutazione da parte dei condomini circa la spesa da affrontare per la amministrazione della cosa comune...

Leggi dopo

La nomina dell’amministratore del condominio è nulla senza l’indicazione del suo compenso

03 Gennaio 2019 | di Paolo Scalettaris

Trib. Udine

Amministratore (compenso)

Secondo la previsione dell’art. 1129, comma 14, c.c., l’amministratore del condominio deve indicare, al momento della sua nomina o del rinnovo del suo incarico - a pena di nullità della nomina - in modo specifico ed analitico il compenso che gli spetterà per la sua attività. La recente sentenza del Tribunale di Udine fa applicazione di tale norma e...

Leggi dopo

Compenso dell'amministratore e diritto di informativa del condomino

10 Gennaio 2018 | di Claudio Tedeschi

Cass. civ.

Amministratore (compenso)

Il giudice di legittimità, con recente pronunciamento, è tornato sulla tematica relativa all'individuazione dei presupposti in presenza dei quali può ritenersi rispettato il diritto di ciascun condomino alla preventiva informativa sugli argomenti oggetto di decisioni dell'assemblea, e ciò con specifico riferimento al caso in cui l'assise, all'atto dell'approvazione del bilancio consuntivo, sia chiamata a determinare il compenso dell'amministratore, ed ha ritenuto che...

Leggi dopo