Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Spese (criteri generali di ripartizione)

È possibile derogare ai criteri legali di ripartizione della spesa comune in caso di mancato accertamento giudiziale dell'obbligo risarcitorio del condomino?

15 Ottobre 2020 | di Guerino De Santis

Trib. Milano

Spese (criteri generali di ripartizione)

Il condominio effettua dei lavori di riparazione alle cose comuni in seguito al verificarsi di danni all'interno di proprietà esclusive, approfittando anche per svolgere manutenzione tesa alla conservazione per un pieno godimento delle stesse da parte della collettività condominiale. Nell'attribuire la spesa, però, deroga al criterio legale della ripartizione addossandola per intero ad un solo condomino, fondando tale procedere sulla convinzione che, dovendo ritenerlo responsabile di alcuni danni, a questi vadano addossati i costi dei relativi lavori riparatori. Il Tribunale di Milano, facendo suo un orientamento ormai consolidato, esclude la legittimità della ripartizione siffatta, confermando che, in assenza di un pronunciamento giudiziale sulla responsabilità del condomino, il criterio di ripartizione da adottare deve essere quello ordinario di cui all'art. 1123 c.c.

Leggi dopo

È annullabile la delibera viziata da un errato criterio di ripartizione delle spese per lavori straordinari

07 Ottobre 2020 | di Nicola Frivoli

Spese (criteri generali di ripartizione)

Il giudicante etneo è stato chiamato ad accertare l'illegittimità di una delibera condominiale per un asserito vizio di nullità, nonostante l'oggetto dell'atto collettivo riguardasse il criterio di riparto di spese condominiali, nella specie relative ai lavori straordinari afferenti la zona box/garage, su una corsia di manovra coperta, non utilizzata dal condomino impugnante.

Leggi dopo

La ripartizione delle spese di manutenzione del tetto

09 Marzo 2020 | di Gennaro Guida

Cass. civ.

Spese (criteri generali di ripartizione)

Le spese relative alla conservazione del tetto di un edificio condominiale vanno ripartite - salvo che si tratti di tetto di proprietà esclusiva, assimilato al lastrico solare e, perciò, soggetto all'applicazione dell'art. 1126 c.c. - tra tutti i condomini in misura proporzionale al valore delle singole proprietà esclusive, ai sensi della prima parte dell'art. 1123 c.c., trattandosi di bene rientrante, per la funzione necessaria all'uso collettivo, tra le cose comuni, in quanto deputato a preservare l'edificio condominiale da agenti atmosferici e dalle infiltrazioni d'acqua piovana e non riconducibile, per contro, fra quelle parti suscettibili di destinazione al servizio dei condomini in misura diversa, ovvero al godimento di alcuni condomini e non di altri, di cui all'art. 1123, commi 2 e 3, c.c. (nella specie, la Suprema Corte ha confermato la pronuncia di merito, che aveva ravvisato l'obbligo di un condomino di concorrere alle spese di manutenzione del tetto del fabbricato, seppur non sovrastante alcuna unità immobiliare di sua proprietà esclusiva, in quanto strutturalmente destinato anche alla protezione dell'atrio comune).

Leggi dopo

Nulla la delibera assembleare che pone a carico del condomino sedicenti spese individuali

24 Gennaio 2020 | di Adriana Nicoletti

Trib. Roma

Spese (criteri generali di ripartizione)

Le attribuzioni dell'assemblea sono definite dalle norme che disciplinano il condominio ed altrettanto si può dire per quelle previste in capo all'amministratore. Ciascuno dei due organi, quindi, risponde del proprio operato in caso di decisioni che violano il diritto dei singoli. Se le determinazioni aventi ad oggetto la ripartizione delle spese si estendono ad oneri che non possono essere attribuiti, per loro natura, in via esclusiva a determinati condomini, l'assemblea in sede di approvazione del bilancio consuntivo deve rettificare eventuali errori. La sentenza ribadisce la nozione di spese personali, definendo i limiti della loro imputabilità ai singoli partecipanti.

Leggi dopo

Noleggio dei ponteggi: per ripartire i costi in proporzione all'uso occorre dimostrare la loro maggiore utilità in favore delle parti esclusive

07 Ottobre 2019 | di Adriana Nicoletti

Trib. Nocera Inferiore

Spese (criteri generali di ripartizione)

Il ripristino dello stabile condominiale si presenta sempre come intervento importante sia dal punto di vista operativo, sia per il profilo economico che impegna notevolmente i condomini. E' inevitabile che questo tipo di lavori, riguardante contestualmente beni comuni e parti di proprietà esclusiva, abbia un riflesso sull'applicazione dei criteri di ripartizione delle spese, ed è altrettanto fatale che le maggiori contestazioni abbiano per oggetto le delibere assembleari che adottano sistemi che potrebbero non corrispondere alla concreta fattispecie. Le spese per l'installazione dei ponteggi non sfuggono all'applicabilità dell'art. 1123 c.c. rispetto al quale è necessario accertare le dovute distinzioni in relazione al servizio reso.

Leggi dopo

Criteri di ripartizione delle spese comuni in difformità a quanto previsto dall'art. 1123 c.c. e maggioranze necessarie per modificarli

23 Maggio 2019 | di Enrico Morello

Trib. Roma

Spese (criteri generali di ripartizione)

Chiamato a decidere sulla legittimità di una clausola di un regolamento condominiale che esonerava un condomino dal pagamento di alcune spese comuni, il Tribunale capitolino ha dovuto, innanzitutto, stabilire se fosse sufficiente la maggioranza o occorresse l'unanimità dei condomini qualora si intendeva modificare...

Leggi dopo

Riparto della spesa condominiale relativa ai danni subiti da un condomino proprietario di più unità immobiliari nell’edificio

26 Luglio 2018 | di Massimo Ginesi

Trib. Avellino

Spese (criteri generali di ripartizione)

Il Tribunale è chiamato a statuire in ordine alla nullità di una deliberazione condominiale che, a fronte di una condanna del condominio a risarcire i danni ad un singolo condomino proprietario di più unità immobiliari, ha ritenuto di imputare anche al condomino vittorioso parte delle somme liquidate del Tribunale, oltre a stabilire di ripartire le spese di...

Leggi dopo

Riconosciuto al coniuge separato il diritto al rimborso di metà delle spese sostenute per impermeabilizzare l’edificio

13 Aprile 2018 | di Giuseppe Bordolli

Trib. Parma

Spese (criteri generali di ripartizione)

Il Tribunale di Parma ha ribadito il principio per cui, in tema di separazione personale, qualora la casa coniugale sia in comproprietà tra i coniugi, l’assegnatario o utilizzatore senza titolo dell’immobile, oltre ad essere gravato delle spese correlate a detto uso, è tenuto a corrispondere...

Leggi dopo