Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Modifica della destinazione d'uso nella proprietà esclusiva e condominiale

08 Febbraio 2023 | di Adriana Nicoletti

Cons. Stato

Uso delle cose comuni (alterazione della destinazione)

Con una recente decisione, il supremo consesso amministrativo, in sede di appello, nel riformare la decisione di primo grado, si è uniformato all'orientamento giurisprudenziale, che ha delineato il quadro che definisce gli interventi che comportano il mutamento della destinazione d'uso di un bene di proprietà esclusiva. La decisione vale anche come opportunità per esaminare la questione concernente le trasformazioni d'uso delle parti comuni dell'edificio.

Leggi dopo

Donazione di immobile: È efficace se disposta dall'ex amministratore a favore della madre per sfuggire ad azione esecutiva?

06 Febbraio 2023 | di Gianluigi Frugoni

Trib. Bari

Amministratore (legittimazione attiva)

Il Tribunale di Bari si allinea con l'orientamento della Suprema Corte, secondo il quale l'interesse del creditore ad agire in revocatoria non viene meno per il fatto che il bene oggetto dell'atto dispositivo è rientrato nel patrimonio del debitore.

Leggi dopo

I limiti dell'intervento volontario nel giudizio da parte dell'amministratore di condominio

02 Febbraio 2023 | di Adriana Nicoletti

Cass. civ.

Amministratore (legittimazione attiva)

La Corte di Cassazione, con una recentissima ordinanza, ha esaminato, forse per la prima volta, la questione dal punto di vista dell'amministratore che, in proprio, abbia svolto un intervento nel giudizio di impugnazione di una deliberazione assembleare. La decisione ha circoscritto il campo di azione anche per l'amministratore, il quale in tale occasione assume la posizione di “terzo”.

Leggi dopo

Il deposito cauzionale copre anche i danni non strettamente connessi all'immobile locato

27 Gennaio 2023 | di Alberto Celeste

Cass. civ.,

Deposito cauzionale

L'obbligo del locatore di restituire il deposito cauzionale, versato dal conduttore al momento della stipula del contratto, sorge al termine della locazione, ma soltanto qualora il conduttore abbia integralmente adempiuto alle proprie obbligazioni, giacché, diversamente, assume rilievo la funzione specifica dello stesso deposito, che è appunto quella di garantire preventivamente il locatore dagli inadempimenti del conduttore. La fattispecie più frequente sotto il profilo statistico è quella in cui il conduttore arrechi danni all'immobile locato, non adempiendo così all'obbligo di restituzione della cosa locata nel medesimo stato in cui l'aveva ricevuta.

Leggi dopo

Il proprietario di un immobile ha sempre diritto al risarcimento del danno per l'occupazione senza titolo?

24 Gennaio 2023 | di Elena Cremonese

Trib. Verona

Occupazione abusiva

Il Tribunale di Verona chiarisce che, in caso di occupazione senza titolo di un bene immobile, non sussiste un danno in re ipsa per il proprietario del bene, dovendo quest'ultimo allegare e provare il danno conseguenza relativo all'occupazione illegittima.

Leggi dopo

L’amministratore è personalmente responsabile dei danni arrecati ai beni del condomino

16 Gennaio 2023 | di Katia Mascia

Trib. Brindisi

Amministratore (attribuzioni)

La decisione del Tribunale di Brindisi si incentra sulla responsabilità personale ed esclusiva dell'amministratore di condominio, il quale, sostenendo di agire in veste in amministratore autorizzato dall'organo assembleare, pone in essere comportamenti violenti ai danni delle cose di un condomino, eccedendo nello svolgimento delle sue mansioni.

Leggi dopo

La durata della fideiussione prestata dal terzo a garanzia delle obbligazioni del conduttore

13 Gennaio 2023 | di Alberto Celeste

Cass. civ.

Durata locazione (uso non abitativo)

La corte di Cassazione si interroga sulla durata temporale della garanzie prestate da terzi per l'adempimento delle obbligazioni contrattuali del conduttore.

Leggi dopo

Locazioni non abitative: quando è possibile la risoluzione del contratto per inadempimento?

11 Gennaio 2023 | di Luca Malfanti Colombo

Trib. Roma

Risoluzione del contratto di locazione per fatto del conduttore

L'art. 1455 c.c. stabilisce, quale regola di ordine generale, l'impossibilità di risolvere un contratto qualora l'inadempimento di una delle parti abbia scarsa importanza in relazione all'interesse dell'altra. Tale norma trova applicazione anche in tema di locazioni di immobili ad uso non abitativo.

Leggi dopo

Nuove e vecchie prospettive in materia di condominio parziale

09 Gennaio 2023 | di Matteo Rezzonico

App. Milano

Condominio parziale

Per la Corte ambrosiana, il diritto di usare un bene condominiale, che è asservito al godimento della proprietà della singola unità abitativa privata, non può in nessun caso arrivare ad escludere il diritto di comproprietà degli altri condòmini sulle parti comuni dell'edificio.

Leggi dopo

L'interpretazione di un contratto di locazione richiede una attenta valutazione della volontà reale delle parti

05 Gennaio 2023 | di Nicola Frivoli

Trib. Massa

Risoluzione del contratto di locazione per fatto del conduttore

Il giudicante toscano è stato chiamato ad interpretare la natura del contratto di locazione ad uso abitativo, e segnatamente se farlo rientrare nella disciplina del contratto transitorio o nella disciplina del contratto libero, adottando i criteri ermeneutici sanciti dall'art. 1362 c.c.

Leggi dopo

Pagine