Bussola

Uso della cosa locata diverso da quello pattuito

Sommario

Inquadramento | La destinazione d'uso dell'immobile | Rispetto e violazione della destinazione d'uso | Conseguenze del mancato rispetto della destinazione d'uso e risoluzione | Casistica | Guida all'approfondimento |

 

Tra le obbligazioni fondamentali del conduttore, accanto a quella essenziale relativa al pagamento del canone, troviamo quelle che attengono alla custodia ed all'utilizzo del bene. L'art. 1587 c.c. stabilisce che il conduttore deve «prendere in consegna la cosa e osservare la diligenza del buon padre di famiglia nel servirsene per l'uso determinato nel contratto o per l'uso che può altrimenti desumersi dalle circostanze». La presa in consegna dell'immobile locato implica a carico del conduttore l'obbligo della custodia e della conservazione del bene. Un particolare modo di atteggiarsi della custodia e della conservazione del bene si esplica proprio con l'obbligo di utilizzare l'immobile e di servirsene per l'uso stabilito nel contratto ovvero per quello che può altrimenti desumersi dalle circostanze. Ciò sta ad indicare che, in prima battuta, il conduttore, nell'utilizzo dell'immobile, deve attenersi alle indicazioni contenute nel contratto ovvero alla comune intenzione delle parti, mentre solamente nel caso in cui manchino tali indicazioni può farsi riferimento alle altre “circostanze” per ricavare e determinare quale sia il corretto utilizzo del bene, che rientri quindi nelle facoltà contrattuali attribuite (esplicitamente o implicitamente) dal contratto al conduttore. Si è ...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >