Bussola

Rendiconto condominiale

Sommario

Inquadramento | L'obbligo | La redazione | Le voci di entrata e di uscita | L'approvazione | Casistica | Guida all'approfondimento |

 

La legge di riforma dell'istituto del condominio negli edifici (l. n. 220/2012) ha ora specificatamente previsto il rendiconto condominiale con un apposito articolo, il 1130 bis c.c. Il rendiconto è l'atto e/o l'attività dell'amministratore di condominio finalizzati a di rendere conto della  gestione amministrativa e contabile relativamente al periodo del suo  incarico. Con il termine “rendiconto” si possono così indicare due specifiche operazioni: l'informazione dell'amministratore che chiarisce e giustifica ai condomini le attività di amministrazione e di gestione dei beni e servizi comuni con i relativi impegni di spesa in relazione a quanto deliberato dall'assemblea (art. 1130 c.c.); il documento contabile in cui l'attività eseguita si concreta. L'art. 1130 bis c.c. richiede, infatti, che l'amministratore accompagni il documento contabile con una «nota sintetica esplicativa della gestione con l'indicazione anche dei rapporti in corso e delle gestioni pendenti». L'obbligo del rendiconto e della sua generale spiegazione va collegato e coordinato con il rapporto di mandato che si instaura tra amministratore e condominio nella cui disciplina è parimenti previsto (art. 1713 c.c.), nonché con l'art.263 c.p.c. che, nell'interpretazione giurisprudenziale, non è solo l'atto contabi...

Leggi dopo