Bussola

Centri commerciali

Sommario

Inquadramento | L'applicabilità della disciplina in tema di condominio | Locazione e avviamento parassitario | Casistica |

 

Il condominio negli edifici sorge, per costante orientamento giurisprudenziale, laddove un fabbricato sia costituito da più unità in proprietà solitaria e da beni, impianti e servizi comuni destinate a fornire utilità alle singole unità che lo compongono. Si è osservato che la costituzione del condominio non richiede una apposita deliberazione o presa d'atto dei soggetti interessati ma che consegua ex lege alla prima cessione a terzi di una proprietà solitaria, così che, all'interno di un edificio multipiano, almeno due unità vedano titolarità distinte. Anche assai di recente la giurisprudenza di legittimità ha esteso ai complessi immobiliari che vedano sviluppo diverso dall'ordinario edificio che si eleva in altezza (e che per prassi vengono appellati con la brutta definizione di supercondominio) tale tipo di dinamica genetica: al pari del condominio negli edifici, regolato dagli artt. 1117 ss. c.c., anche il c.d. supercondominio viene in essere ipso iure et facto, ove il contrario non risulti dal titolo, senza necessità alcuna di  manifestazioni di volontà  e, men che meno,  di approvazioni assembleari, dandosi invece luogo a tale fenomeno giuridico ove singoli fabbricati, costituiti in altrettanti condomini, abbiano in comune talune cose, impianti e servizi che siano legati...

Leggi dopo