Bussola

Canne fumarie e sfiatatoi

Sommario

Inquadramento | La qualificazione della canna fumaria e degli sfiatatoi | L'installazione della canna fumaria | Il rispetto del decoro architettonico | Le distanze legali | L'installazione sul lastrico solare | La responsabilità della manutenzione e per le spese | L'utilizzo | Guida all'approfondimento |

 

La canna fumaria è un'opera finalizzata a convogliare i fumi derivanti da una combustione dall'interno di un locale o camera di combustione (es. caldaia per il riscaldamento) verso l'esterno. Se in origine la canna fumaria era realizzata in mattoni o pietra, le moderne canne fumarie vedono l'utilizzo di tubi metallici, normalmente in acciaio inox oppure in materiale refrattario, sono coibentate ed inserite in "camicie" di materiale cementizio. Generalmente la canna fumaria si divide in tre parti:  canale da fumo (condotto o elemento di collegamento tra generatore di calore e canna fumaria per l'evacuazione dei prodotti della combustione, ad esempio i tubi a vista di una stufa a legna);  canna fumaria o camino (è la parte verticale);  comignolo (è la parte terminale della canna fumaria, verso il cielo).   In evidenza La descrizione tecnica è importante poiché dalla funzione della canna fumaria discendono importanti conseguenze giuridiche in ordine alla risoluzione dei problemi circa l'appoggio o l'innesto di una canna fumaria al muro perimetrale comune da parte del singolo condomino ma, ancor prima della natura giuridica come bene comune della stessa.   Per non parlare delle norme sulla sicurezza degli impianti (in origine la legge n. 46/1990 poi trasfusa nel d.P.R. n. 380/...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Su Canne fumarie e sfiatatoi

Fumi del ristorante e installazione della canna fumaria
di Enrico Morello, Edoardo Valentino

Vedi tutti »

Le Bussole correlate >