Schede tecniche

L’indagine diagnostica sull’edificio

Sommario

Verifiche ex ante ed ex post sui fenomeni di degrado | L’importanza dell’indagine diagnostica | Strumentazioni e normative | Come condurre la campagna di rilievo | Acquisizione preliminare dei dati | Esame visivo sullo stato di ammaloramento | Verifica delle superfici: prove soniche, colposcopiche e di incisione per la caratterizzazione fisico meccanica del supporto – mappatura generale | Verifica dei punti deboli (spigoli, gocciolatoi, zone bagnate, percolamenti, pozze d’acqua, ecc.) | Degrado del calcestruzzo e corrosione dei ferri d’armatura: prove di carbonatazione del calcestruzzo | Verifica della presenza di ferri e di inserti metallici all’interno dell’elemento indagato: magnetometro-pachometro | Verifica della resistenza meccanica in opera: indagine mediante prove sclerometriche |

 

L’indagine sulle patologie di degrado è il presupposto fondamentale per definire le cause che lo hanno prodotto e stabilire conseguentemente i corretti cicli d’intervento per la loro sistemazione. Le modalità d’indagine possono essere condotte con semplici modalità (visiva, con un semplice martello e chiodo) o con attrezzature più o meno sofisticate, ma in ogni caso con strumentazioni facilmente utilizzabili in cantiere in quanto di peso e dimensioni contenute. Buona parte di queste attrezzature è conforme a specifiche normative e il loro utilizzo permetterà di effettuare un’indagine completa sull’edificio con molte delle verifiche e delle rilevazioni eseguite direttamente in situ ed altre da perfezionare in laboratorio...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >