Giurisprudenza commentata

Le spese per il cappotto termico dell'edificio vanno ripartite anche tra i proprietari dei piani interrati

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Riferimenti |

 

Ad avviso del Supremo Collegio, la realizzazione di un “cappotto termico” sulle superfici esterne dell'edificio condominiale, in quanto volta a migliorare l'efficienza energetica dello stesso, non dà luogo ad un'opera che possa ritenersi suscettibile di utilizzazione separata, agli effetti dell'art. 1121, comma 1, c.c., né, una volta eseguita, configura una cosa che è destinata a servire i condomini in misura diversa, oppure solo una parte dell'intero fabbricato, sicché le relative spese non possono ripartirsi in proporzione dell'uso o da porre a carico del solo gruppo dei condomini che ne trae utilità.

Leggi dopo