Giurisprudenza commentata

La Cassazione riesamina i criteri per la valutazione della morosità nelle locazioni non abitative

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Riferimenti |

 

Con l'ordinanza in commento, la Corte di Cassazione definisce un giudizio che ha avuto inizio con la notificazione al conduttore di immobile destinato ad uso non abitativo di un atto di intimazione di sfratto per morosità, a seguito del quale il conduttore ha provveduto, prima dell'udienza di comparizione, al pagamento dei canoni in relazione ai quali era stato inti¬mato lo sfratto. Nell'esame del provvedimento, vengono prese in considerazione molte delle questioni che si pongono a proposito della fattispecie della risoluzione per grave inadempimento del contratto di locazione di immobile ad uso diverso dall'abitativo in relazione al mancato o ritardato pagamento dei canoni da parte del condut¬tore.

Leggi dopo