Focus

Le ultime giurisprudenziali sul deposito cauzionale nel contratto di locazione

Sommario

Il quadro normativo | La funzione della cauzione | L’obbligazione restitutoria a carico del locatore | La ritenzione della cauzione | L’opponibilità in compensazione del deposito cauzionale | Il deposito cauzionale e la vendita dell’immobile locato | Gli effetti dello svincolo della cauzione | Il pagamento degli interessi | In conclusione | Guida all’approfondimento |

 

Una recente sentenza del Tribunale di Roma offre l’occasione per fare il punto sulle diverse problematiche involgenti l’istituto del deposito cauzionale quale obbligazione accessoria al contratto di locazione. Il deposito cauzionale garantisce l’adempimento, da parte del conduttore, degli impegni assunti con la sottoscrizione del contratto, e segnatamente il regolare ed integrale pagamento dei canoni, il ripristino dei danni eventualmente arrecati all'immobile nonché la restituzione del medesimo alla scadenza del rapporto. Tuttavia, in caso di inadempimento del conduttore alle proprie obbligazioni, il locatore non può limitarsi a ritenere la caparra allegando generiche contestazioni o riservandosi di agire successivamente, ma deve proporre tempestiva domanda giudiziale per l’attribuzione, in tutto o in parte, della somma ricevuta in garanzia a copertura di specifici danni subiti o di importi rimasti impagati.

Leggi dopo