Focus

Le clausole del contratto in tempo di Covid-19

Sommario

Le sopravvenienze tipiche e i rimedi codicistici | Le sopravvenienze atipiche e la rinegoziazione. | L'intervento del giudice | I rimedi manutentivi del contratto e l'autonomia delle parti: nuove clausole | In conclusione | Riferimenti |

 

Il contratto di locazione, per sua natura, è un contratto che si proietta nel futuro, in quanto si propone di regolamentare i rapporti tra le parti per un considerevole lasso di tempo; ciò avviene, necessariamente, sulla base della situazione, delle conoscenze, delle esigenze e degli interessi economici dei contraenti al momento della stipulazione. Circostanze successive alla conclusione del contratto potrebbero tuttavia incidere sull'equilibrio del contratto, determinando cioè uno squilibrio economico tra le prestazioni: soprattutto con riferimento alle sopravvenienze c.d. atipiche, cioè non previste e disciplinate espressamente dalla legge. Si pone così il problema di individuare quale possa essere il percorso che meglio tuteli gli interessi dei contraenti, a fronte della mutata situazione di riferimento. L'emergenza sanitaria Covid e le misure restrittive via via adottate dal Governo contro la diffusione del virus, hanno riportato con forza l'attenzione sulla tematica, al punto da imporre, per il futuro, la previsione in contratto di apposite clausole finalizzate a prevenire, sotto tale profilo, l'insorgere di conflitti tra locatore e conduttore in tema di misura del canone da corrispondere nel ripetersi di similari situazioni a quella verificatasi con...

Leggi dopo