Focus

Carenza iniziale o venir meno dei requisiti necessari per lo svolgimento dell'attività di amministratore

Sommario

Il quadro normativo | La perdita dei requisiti di c.d. professionalità | Mancanza dei requisiti connessi alla formazione professionale dell'amministratore | Mancanza del requisito della formazione periodica | Mancanza dei requisiti di legge dei corsi frequentati | Il problema del controllo del rispetto degli obblighi formativi | La revocabilità dell'amministratore privo di requisiti | In conclusione | Guida all'approfondimento |

 

La recente decisione del Tribunale di Padova del 24 marzo 2017, n. 818 affronta il problema relativo alle conseguenze del mancato assolvimento da parte dell'amministratore dell'obbligo di formazione periodica; ciò offre lo spunto per alcuni approfondimenti in ordine alla disciplina contenuta nel d.m. n.140/2014, analizzando le diverse ipotesi di mancanza in capo all'amministratore dei requisiti sia morali che professionali richiesti dalla normativa vigente per lo svolgimento dell'incarico.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >