News

News

Scoppio della caldaia del vicino: risarcimento a carico del proprietario o del conduttore?

05 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Responsabilità per parti comuni in custodia

In tema di risarcimento del danno, la figura di "custode" non è riferibile a uno status giuridico predeterminato tra il soggetto e la cosa, ma è colui che ha il potere effettivo, dinamico ed esclusivo sulla stessa, inteso come "potestà di fatto", che deve essere anche disponibilità giuridica.

Leggi dopo

I condomini possono chiedere la rimozione dei tralicci di alta tensione solo sul principio di precauzione?

04 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Impianto elettrico

In tema di emissioni elettromagnetiche, la fissazione a livello nazionale dei valori-soglia rappresenta il punto di equilibrio fra le esigenze contrapposte di evitare al massimo l’impatto delle emissioni elettromagnetiche e di realizzare impianti necessari al paese.

Leggi dopo

Anche se il contatore è guasto, il condomino paga i consumi eccessivi dell’acqua?

03 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Impianto idrico e fognario

In mancanza di impugnativa, anche se il contatore è guasto, il condomino paga i consumi eccessivi dell’acqua. Difatti, nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, il magistrato verifica l’esistenza ed efficacia della decisione dell’assemblea senza sindacarne la validità.

Leggi dopo

È possibile il distacco delle utenze in caso di inerzia dell’ex coniuge assegnatario dell’appartamento?

02 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Cass. pen.

Assegnazione della casa familiare

È legittima la condanna per esercizio illegittimo delle proprie ragioni per il marito che, dopo aver intimato alla ex moglie di volturare i contratti delle utenze della casa coniugale ad ella assegnata in sede di separazione, abbia proceduto al distacco dell'energia elettrica e del gas nell’appartamento.

Leggi dopo

Integra un danno ingiusto il mancato guadagno di una parte del canone non dichiarato?

29 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Recesso

È nullo il patto con cui le parti del contratto di locazione concordino occultamente un canone superiore a quello dichiarato nel contratto registrato. Il patto di maggiorazione è insanabilmente nullo, a prescindere dalla sua registrazione.

Leggi dopo

La compravendita è valida anche se l’immobile è difforme?

27 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Vendita dell’unità immobiliare

Le Sezioni unite della Cassazione dirimono il contrasto sulla nullità per mancata menzione, negli atti tra vivi di trasferimento di edifici, dei titoli edilizi in forza dei quali sono stati costruiti.

Leggi dopo

Locazione e nuovo modello RLI 2019: le istruzioni dell’Agenzia dell’Entrate

25 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Registrazione del contratto di locazione

Dal prossimo 20 maggio diventa obbligatorio l’impiego del nuovo modello RLI 2019 per la registrazione telematica dei contratti di locazione.

Leggi dopo

L'approvazione dei lavori di manutenzione non può essere deliberata dal consiglio di condominio

22 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Consiglio di condominio

L’assemblea condominiale può votare la nomina di un consiglio di condominio con l’incarico di esaminare i preventivi di spesa per l’esecuzione di lavori, ma le decisioni dei consiglieri sono vincolanti soltanto se poi vengono votate e approvate, con le maggioranze prescritte dalla legge, dall’assemblea dei condomini.

Leggi dopo

È possibile costituire una servitù volontaria di parcheggio?

20 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Parcheggi esterni

Qualunque utilità che non sia di carattere soggettivo e che si concretizzi in un vantaggio per il fondo dominante, in relazione alla destinazione del diritto, può assumere carattere di realità...

Leggi dopo

La sopraelevazione può essere limitata da una scrittura privata?

19 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Sopraelevazione (limiti)

La valenza integrativa della norma codicistica può riconoscersi solo alle disposizioni degli strumenti urbanistici che disciplinano le distanze, perché solo queste ultime regolano i rapporti di vicinato, consentendo al privato di ottenere, in caso di loro violazione, la riduzione in pristino.

Leggi dopo

Pagine