News

News

Sisma bonus: vendita delle unità immobiliari e detrazioni per interventi di riduzione del rischio sismico

31 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Ag. Entrate

Ag. Entrate, risp. 10 ottobre 2019, n. 409.pdf

Vendita dell’unità immobiliare

La disposizione sull'acquisto di case antisismiche, pur avendo alcuni elementi di analogia con il c.d. "sisma bonus", si differenzia da quest'ultimo in quanto beneficiari dell'agevolazione sono gli acquirenti delle nuove unità immobiliari e la detrazione è calcolata sul prezzo di acquisto di ciascuna unità, nella misura del 75 oppure 85 per cento, entro l'importo massimo di 96.000 euro.

Leggi dopo

L'immobile in condominio non può essere adibito a centro estetico in quanto attività diversa dall'ufficio

30 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento di condominio (limiti)

Con la previsione del regolamento condominiale inerente "uffici e studi professionali" si intende riferirsi alle professioni intellettuali di cui all'art. 2229 e ss. c.c., rendendo perciò illecita l'utilizzazione dell'appartamento per l'esercizio di un centro di estetica, in quanto attività commerciale esclusa dal regolamento e in quando attività diversa dall'ufficio.

Leggi dopo

Passaggio su strada comune effettuato da un comunista per accedere ad altro fondo a lui appartenente: godimento vietato

29 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Uso delle cose comuni (alterazione della destinazione)

Configura mutamento di destinazione, rilevante ex art. 1102 c.c., nel senso di rendere illegittimo l'uso particolare di un comunista o condomino, la direzione della funzione della cosa comune - pur lasciata immutata nella sua natura (il passaggio) - a vantaggio di beni esclusivi di un comunista o un condomino, rispetto ai quali i comproprietari non avevano inteso "destinare" il bene comune.

Leggi dopo

Opposizione a decreto ingiuntivo per il pagamento delle spese condominiali e vizi inerenti delle delibere assembleari

28 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Riscossione dei contributi condominiali

Nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo concernente il pagamento di contributi per spese, in generale, il condomino opponente non può far valere questioni attinenti alla annullabilità della delibera condominiale di approvazione dello stato di ripartizione. Tuttavia, è contrasto in giurisprudenza se il limite alla rilevabilità, anche d'ufficio, dell'invalidità delle sottostanti delibere debba, o meno, operare allorché si tratti di vizi implicanti la loro nullità (e non annullabilità), trattandosi dell'applicazione di atti la cui validità rappresenta un elemento costitutivo della domanda.

Leggi dopo

Il nudo proprietario che subentra nel contratto di locazione non risponde per il debito del de cuius

25 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Usufrutto (locazione)

Posto che l'art. 1602 c.c. fissa nel momento dell'acquisto del bene locato il subingresso dell'acquirente nei diritti e negli obblighi derivanti dal contratto di locazione, deve essere escluso che il fenomeno successorio ex art. 1599 c.c. del trasferimento a titolo particolare della cosa locata possa avere effetto retroattivo.

Leggi dopo

Servitù d'uso pubblico sul parcheggio di edificio a destinazione mista ed esecuzione di lavori di manutenzione

23 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Servitù (costituzione e contenuto)

Nell'ambito di una costruzione del complesso immobiliare, avente destinazione mista residenziale e commerciale, il vincolo di connotazione pubblicistica non determina il sorgere in capo al Comune di alcun onere al di là di quelli pubblicistici, con esclusione di ogni assimilabilità della fattispecie ad una servitù né la configurabilità di alcun titolo di diritto privato.

Leggi dopo

Tettoia costruita in violazione delle distanze legali: è molestia nel possesso del fondo finitimo

21 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Manutenzione (azione di)

L'animus turbandi, per l'esperibilità dell'azione di manutenzione del possesso di un edificio molestato dalla violazione delle distanze legali deve presumersi ogni volta che si dimostrino gli estremi della turbativa, restando irrilevante anche l'eventuale convincimento dell'autore del fatto di esercitare un proprio diritto.

Leggi dopo

Registrazione tardiva del contratto e richiesta del locatore di restituzione degli importi non versati

18 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Registrazione del contratto di locazione

Il novellato art. 5, comma 13, I. n. 431/1998 non ha ripristinato né ridefinito la durata dei contratti locativi non registrati, ma si è occupato degli effetti non contrattuali del rapporto di fatto, predeterminando forfettariamente il danno patito dal locatore e/o la misura dell'indennizzo dovuto dal conduttore, in ragione della occupazione illegittima del bene locato, provocata dalla nullità del contratto e, dunque, dall'assenza di suoi effetti ab origine.

Leggi dopo

Presunzione legale di proprietà comune: i locali sotterranei per autorimesse e la galleria commerciale non sono parti dell'edificio condominiale

16 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Parti comuni (presunzione e titolo contrario)

Elemento indispensabile per poter configurare I'esistenza di una situazione condominiale è rappresentato dalla contitolarità necessaria del diritto di proprietà sulle parti comuni dello edificio, in rapporto alla specifica funzione di esse di servire per l'utilizzazione e il godimento delle parti dell'edifico medesimo.

Leggi dopo

La tettoia, attesa la posizione e il carattere non stagionale, non è una pergotenda

14 Ottobre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Distanze legali

La tettoia a copertura della pavimentazione può definirsi "costruzione" e in quanto tale tenuta al rispetto delle distanze legali e non può qualificarsi come "pergotenda", attesa la posizione e il carattere non stagionale.

Leggi dopo

Pagine