News

News

Vendita dell'immobile senza l'esatta specificazione di servitù: le parti devono osservare le distanze legali

22 Agosto 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Vedute e luci

Le servitù di veduta sono opponibili soltanto se risultano dalla nota di trascrizione dell'atto di acquisto e a condizione che dalla stessa sia possibile desumere l'indicazione del fondo dominante e di quello servente, la volontà delle parti di costituire una servitù, nonché l'oggetto e la portata del diritto, oltre che eventuali termini o condizioni.

Leggi dopo

La notorietà professionale del lavoratore non esonera da responsabilità il committente per affidamento dei lavori a tecnico non certificato

20 Agosto 2019 | di Redazione scientifica

Cass. pen.

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Il d.m. 22.1.2008 n. 37 reca prescrizioni che intendono garantire la sicurezza dei lavori attinenti agli impianti da esso menzionati, sia per chi attende ad essi - e quindi i lavoratori impegnati nelle attività sugli impianti - che per gli utilizzatori.

Leggi dopo

Legittima la penale a carico del conduttore per la tempestiva restituzione dell'immobile di pregio alla scadenza

16 Agosto 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Ritardo nel rilascio

Il carattere notorio dei tempi irragionevoli richiesti per la formazione e la concreta attuazione di un titolo esecutivo di rilascio di un'abitazione, valgono a rendere ragionevole la pattuizione di una penale che aumenti considerevolmente l'ammontare originario del canone, al fine di indurre la conduttrice alla tempestiva restituzione dell'immobile.

Leggi dopo

Le modalità per l'interruzione della fornitura idrica condominiale

13 Agosto 2019 | di Redazione scientifica

ARERA

Impianto idrico e fognario

Dal 1° gennaio 2020 saranno introdotte regole certe e uguali in tutta Italia nel caso di mancati pagamenti da parte degli utenti del settore idrico.

Leggi dopo

Ristrutturazioni: le detrazioni nel caso di unico proprietario

08 Agosto 2019 | di Redazione scientifica

Agenzia delle Entrate

Impianto centralizzato di produzione di energia

Le parti comuni dell’edificio devono essere considerate in senso oggettivo con riferimento a più unità immobiliari; pertanto, l’istante deve verificare nella situazione concreta la sussistenza di parti comuni alle unità immobiliari, distintamente accatastate, costituenti l’edificio interessato da lavori di ristrutturazione.

Leggi dopo

Rumori: la cessazione dell'attività commerciale costituisce il rimedio più estremo

05 Agosto 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Immissioni

Nell'àmbito delle modalità di attuazione dell'obbligo di non facere espresso nell'art. 844 c.c., il giudice può individuarle in una gradazione fra un'inibitoria totale delle immissioni tramite la cessazione dell'attività e un'inibitoria mediante l'imposizione di accorgimenti nello svolgimento dell'attività e nelle condizioni dell'immobile in cui essa veniva espletata.

Leggi dopo

Opzione legittima anche se il conduttore è una società che destina l'immobile locato ad abitazione dei propri dipendenti

02 Agosto 2019 | di Redazione scientifica

Comm. trib. reg. Emilia-Romagna Bologna

Cedolare secca

Nell'ambito del riconoscimento della cedolare secca, non rileva la figura del conduttore (persona fisica o giuridica), posto che la ratio della norma è quella di garantire un regime fiscale agevolato alle persone fisiche proprietarie di immobili destinati a civile abitazione.

Leggi dopo

Il pignoramento di alcune quote di proprietà dell'immobile determina l'automatica cessazione di efficacia del contratto di locazione

29 Luglio 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Rinnovazione tacita del contratto di locazione

La rinnovazione tacita del contratto alla prima scadenza, per il mancato esercizio, da parte del locatore, della facoltà di diniego di rinnovazione, costituisce un effetto automatico derivante direttamente dalla legge e non da una manifestazione di volontà negoziale, con la conseguenza che, in caso di pignoramento dell'immobile, tale rinnovazione non necessita dell'autorizzazione del giudice dell'esecuzione, prevista dal secondo comma dell'art. 560 c.p.c.

Leggi dopo

Intimazione di sfratto per morosità: la richiesta di risoluzione del contratto interrompe il termine di pagamento dei canoni locativi scaduti e non pagati?

26 Luglio 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Convalida di licenza e sfratto

Chi agisce per la risoluzione del contratto, dimostrando di avere definitivamente perduto ogni interesse alla prestazione, non può, intralciando la chiara definizione dei conflitti tra le parti, proporre richiesta di adempimento; mentre la richiesta di adempimento, che non abbia buon esito, non preclude il rimedio della risoluzione.

Leggi dopo

Nessuna sanzione in caso di mancata destinazione dell’immobile se giustificata da esigenze non riconducibili al locatore

24 Luglio 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Diniego di rinnovazione (locazione ad uso abitativo)

Affinché il locatore possa legittimamente denegare il rinnovo del contratto alla prima scadenza, secondo quanto previsto dall'art. 3, l. n. 431/1998, non è necessario che egli fornisca la prova dell'effettiva necessità di destinare l'immobile ad abitazione propria o di un proprio familiare, ma è sufficiente una semplice manifestazione di volontà in tal senso, fermo restando il diritto del conduttore al ripristino del rapporto di locazione alle medesime condizioni di cui al contratto disdettato.

Leggi dopo

Pagine