Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Mediazione: no all'accordo con i terzi creditori del condominio

14 Dicembre 2017 | di Maurizio Tarantino

Trib. Taranto

Mediazione obbligatoria (condominio)

Chiamato ad accertare la legittimità di una clausola di mediazione conciliativa inserita in un contratto di appalto di opere private tra condominio e terzo appaltatore, il Tribunale di Taranto, nel ritenerla nulla, e quindi non soggetta alle materie della mediazione obbligatoria di cui all'art. 5, comma 1-bis, del d.lgs. 28/2010, ha sottolineato che le controversie del condominio con i terzi restano escluse dall'àmbito di obbligatorietà della mediazione.

Leggi dopo

Il convivente more uxorio ha la detenzione qualificata del bene, che cessa con il venir meno della convivenza

13 Dicembre 2017 | di Cesare Trapuzzano

Cass. civ.

Reintegrazione (azione di)

Previa individuazione della situazione giuridica che si rinviene per effetto dell'instaurazione della relazione di fatto tra il convivente more uxorio e l'immobile, una recente sentenza della Cassazione ha analizzato le conseguenze che si determinano su tale situazione...

Leggi dopo

Riscaldamento e acqua sono servizi primari: non possono essere sospesi neppure se il condomino è ultramoroso

12 Dicembre 2017 | di Adriana Nicoletti

Trib. Bologna

Sospensione dei servizi comuni per mora ultrasemestrale

Ancora un provvedimento giudiziario che ha affrontato la questione concernente l'effettiva applicabilità dell'art. 63, comma 3, disp. att. c.c., secondo il quale se un condomino protrae la sua morosità verso il condominio per oltre un semestre...

Leggi dopo

Libera determinazione del canone e pagamento di somme prive di giustificazione: dalla nullita' all'estorsione

11 Dicembre 2017 | di Ladislao Kowalski

Cass. civ.

Canone (determinazione)

La determinazione del canone nelle locazioni ad uso diverso e, nelle abitazioni, dal 1998 è libera, tuttavia rimane un vincolo rigoroso in ordine a tale libertà. L'autonomia, infatti, esclude che si possano concedere somme diverse: dal canone rigorosamente considerato - anche se graduato nel tempo - quale corrispettivo della locazione; dal rimborso di oneri e dal deposito cauzionale. Qualora, quindi, nel rapporto vengano considerati importi che non trovano corrispondenza nel sinallagma, deve ritenersi che...

Leggi dopo

È invalida la delibera che approva un bilancio privo della nota esplicativa?

07 Dicembre 2017 | di Luca Santarelli

Trib. Torino

Rendiconto condominiale

In tema di tenuta e redazione della contabilità, il tribunale di Torino ha avuto modo di fornire alcune interessanti puntualizzazioni riguardo all'osservanza del rendiconto condominiale, approvato dall'assemblea, ai precetti del novellato art. 1130-bis c.c...

Leggi dopo

Installazione dell'ascensore e abbattimento delle barriere architettoniche

06 Dicembre 2017 | di Ettore Ditta

Cass. civ.

Barriere architettoniche

Dopo un iniziale lungo periodo in cui la disciplina contenuta nella l. 9 gennaio 1989, n. 13, ha ricevuto una applicazione altalenante e con la prima decisione emessa dalla Cassazione era stata addirittura confinata in un ambito di applicazione molto restrittivo, invece a partire dalla metà degli anni 2000...

Leggi dopo

Risoluzione per inadempimento del contratto di locazione ad uso diverso per reiterati ritardi nel versamento del canone

05 Dicembre 2017 | di Nicola Frivoli

Trib. Milano

Morosità (inadempimento)

Il giudicante è stato chiamato ad accertare e dichiarare la risoluzione per grave inadempimento del conduttore in un contratto di locazione ad uso diverso, in applicazione del combinato disposto degli artt. 1453 e 1455 c.c., alla luce dei pagamenti ritardati da parte dell'obbligato, nonostante...

Leggi dopo

Applicabilità degli artt. 5 e 55 della l. n. 392/1978 anche ai contratti ad uso diverso dall'abitazione?

04 Dicembre 2017 | di Giorgio Grasselli

Cass. civ.

Morosità (inadempimento)

Negli anni l'orientamento giurisprudenziale in merito all'applicabilità dell'artt. 5 e 55 l. 392/1978 anche alle locazioni ad uso diverso dall'abitazione, non è stato sempre univoco, a dirimere i contrasti interviene la Cassazione a Sezioni Unite (Cass. civ., sez. un., 28 aprile 1999, n. 272) escludendo l'applicabilità dell'art. 55 della l. n. 392/78...

Leggi dopo

La domanda di mediazione impedisce la decadenza dal momento della comunicazione alle altre parti

01 Dicembre 2017 | di Maurizio Tarantino

Trib. Parma

Mediazione obbligatoria (condominio)

Chiamato ad accertare la validità di una delibera assembleare, il tribunale di Parma, ritenendo la domanda tardiva, ha sottolineato che l'impugnazione (che dovrà essere preceduta da un tentativo di conciliazione) si propone con un atto di citazione davanti al giudice civile entro 30 giorni dalla delibera o dalla comunicazione della stessa ai condomini assenti. Quanto alla procedibilità dell’azione...

Leggi dopo

Mediazione obbligatoria e impugnativa di delibera: la decorrenza del termine previsto dall'art. 1137 .c.c.

27 Novembre 2017 | di Massimo Ginesi

Trib. Milano

Mediazione obbligatoria (condominio)

Il Tribunale di Milano, in linea con l'interpretazione di una parte della giurisprudenza di merito, si pronuncia sulle modalità di computo del termine di trenta giorni, che l'art. 1137 c.c. prevede quale barriera per chi intenda impugnare una delibera annullabile. La pronuncia, con un condivisibile orientamento garantista, ritiene che...

Leggi dopo

Pagine