Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Miglioramenti alla cosa locata

Miglioramenti e addizioni (e relative indennità) alla cessazione del rapporto locatizio

27 Aprile 2020 | di Aldo Ferrari

Trib. Salerno

Miglioramenti alla cosa locata

La questione esaminata dal Tribunale di Salerno riguarda il contratto di locazione di uno spazio comunale affidato ad un gestore che, nel corso del rapporto, per rendere fruibile il bene, aveva sullo stesso eseguito interventi di miglioramento anche strutturali e l'aveva dotato delle attrezzature necessarie per l'utilizzo e la fruizione del bene (addizioni). Alla conclusione del rapporto, il conduttore ha richiesto la corresponsione delle indennità di cui agli artt. 1592 e 1593 c.c. L'Ente locale ha rilevato, tra l'altro, l'assenza di autorizzazione alle migliorie. Il Tribunale ha tuttavia accertato, nel corso del giudizio, l'esistenza di un'autorizzazione del locatore successiva all'esecuzione delle migliorie ed ha ritenuto che le addizioni fossero state ritenute dal Comune ed ha perciò riconosciuto il diritto del conduttore a ricevere le relative indennità come richieste.

Leggi dopo

Non è vessatoria la clausola che esclude l’indennità per i miglioramenti in un contratto di locazione ad uso diverso

24 Maggio 2018 | di Nicola Frivoli

Trib. Vallo della Lucania

Miglioramenti alla cosa locata

Il giudicante è stato chiamato ad accertare e dichiarare la risoluzione per grave inadempimento del conduttore in un contratto di locazione ad uso diverso, in applicazione del combinato disposto...

Leggi dopo