Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Nulla la delibera assembleare che pone a carico del condomino sedicenti spese individuali

24 Gennaio 2020 | di Adriana Nicoletti

Trib. Roma

Spese (criteri generali di ripartizione)

Le attribuzioni dell'assemblea sono definite dalle norme che disciplinano il condominio ed altrettanto si può dire per quelle previste in capo all'amministratore. Ciascuno dei due organi, quindi, risponde del proprio operato in caso di decisioni che violano il diritto dei singoli. Se le determinazioni aventi ad oggetto la ripartizione delle spese si estendono ad oneri che non possono essere attribuiti, per loro natura, in via esclusiva a determinati condomini, l'assemblea in sede di approvazione del bilancio consuntivo deve rettificare eventuali errori. La sentenza ribadisce la nozione di spese personali, definendo i limiti della loro imputabilità ai singoli partecipanti.

Leggi dopo

L'opponibilità al terzo acquirente del provvedimento di assegnazione della casa familiare

22 Gennaio 2020 | di Vito Amendolagine

Trib. Salerno

Casa familiare: comodato e locazione

Il Tribunale di Salerno esamina la questione concernente l'opponibilità al terzo acquirente del provvedimento di assegnazione della casa familiare, già concessa in comodato ad uno dei coniugi dall'originario proprietario, con particolare riferimento all'ipotesi in cui la cessione del cespite immobiliare risulti essere intervenuta dopo il provvedimento giudiziale di assegnazione, ma prima della sua trascrizione nei registri immobiliari.

Leggi dopo

L'amministratore non può chiedere il risarcimento per i danni da immissioni in favore dei singoli condomini

20 Gennaio 2020 | di Edoardo Valentino

Trib. Reggio Emilia

Amministratore (legittimazione attiva)

Con la sentenza in commento, il Tribunale di Reggio Emilia sottolinea come l'amministratore di condominio possa domandare un risarcimento in sede giudiziale per i danni derivanti da immissioni sonore e di fumo unicamente in caso le stesse riguardino le parti comuni dell'edificio, con conseguente esclusione dei danni a parti dell'edificio in proprietà esclusiva dei condomini o pregiudizi patiti dagli stessi proprietari, neanche se l'assemblea l'autorizza all'unanimità.

Leggi dopo

Garanzia per i vizi nella compravendita e interruzione della prescrizione

17 Gennaio 2020 | di Massimo Ginesi

Cass. civ.

Parti comuni (relazione di accessorietà)

Il Giudice di Pace di Taranto e poi il Tribunale della stessa città, in sede di appello, hanno ritenuto che le missive inviate da un compratore al proprio venditore con le quali - in diverse e successive occasioni - il primo aveva denunziato la sussistenza di vizi nel bene venduto, chiedendo una riduzione del prezzo e minacciando azione giudiziale in tal senso, fossero idonee ad interrompere la prescrizione della relativa azione. Le Sezioni Unite confermano l'interpretazione dei giudici di merito, risolvendo un contrasto fra due diversi orientamenti, l'uno che legittimava l'interruzione conseguente a qualsiasi atto di diffida o mossa in mora e l'altro che, invece, riteneva che unico atto idoneo a preservare le ragioni del compratore, dinanzi al decorso del tempo, fosse l'iniziativa giudiziale. Il tema è stato oggetto di ampio dibattito dottrinale e giurisprudenziale, posto che si evidenziava da più parti come l'art. 1495, comma 3, c.c. si riferisca alla prescrizione dell'azione, mentre l'art. 2934 c.c. attiene alla prescrizione del diritto. La Cassazione, tuttavia, non si ferma a tale mera distinzione letterale, che ritiene non dirimente, e giunge ad una conclusione che ha significative connotazioni anche sotto il profilo pratico e deflattivo, cui il supremo collegio di legittimità mostra di non essere indifferente: il non imporre necessariamente la via giudiziale, riconoscendo efficacia interruttiva anche agli atti stragiudiziali consente alle parti un margine assai più ampio per trovare un assetto di interessi soddisfacente anche in sede non contenziosa.

Leggi dopo

L'operatività della proroga biennale nella locazione a canone concordato e modalità della disdetta

13 Gennaio 2020 | di Vito Amendolagine

Trib. Roma

Durata locazione (uso abitativo)

Il Tribunale di Roma esamina un'interessante questione concernente l'operatività della proroga biennale riguardante un contratto di locazione a canone concordato, muovendo dalla ratio dell'istituto, volta a tutelare il diritto del conduttore alla stabilità del rapporto, ovvero ad un'uscita ordinata dallo stesso, offrendogli la possibilità di reperire sul mercato un'immobile alternativo a quello goduto in locazione, nonché la validità della stessa modalità di disdetta, nella fattispecie, inoltrata attraverso l'intimazione di sfratto per finita locazione indicando una data errata, in quanto anteriore rispetto all'effettiva scadenza del rapporto.

Leggi dopo

È possibile impugnare la delibera condominiale per eccesso di potere dell'assemblea?

09 Gennaio 2020 | di Nicola Frivoli

Trib. Trani

Vizi delle delibere assembleari (nullità/annullabilità)

Il giudicante è stato chiamato ad accertare la validità di una delibera condominiale per eccesso di potere dell'assemblea, giungendo però alla conclusione che il suo sindacato è limitato alla legittimità dell'atto e non al merito.

Leggi dopo

Interesse ad impugnare e richiesta di accesso alla documentazione condominiale

07 Gennaio 2020 | di Guerino De Santis

Trib. Roma

Amministratore (documentazione e registri)

L'interesse ad impugnare una delibera condominiale di cui all'art. 1137 c.c. deve coincidere con l'interesse ad agire di cui all'art. 100 c.p.c. E' rilevante, quindi, che il condomino rappresenti in giudizio la lesione di un proprio diritto, a lui direttamente riferibile, e non una doglianza circa una possibile lacuna della convocazione assembleare attribuibile alla sfera di altri condomini, così come il condomino non può fare richiesta indiscriminata all'amministratore della documentazione afferente la gestione condominiale, traducendosi questa in un ostacolo all'attività di amministrazione.

Leggi dopo

Alle Sezioni Unite le questioni relative al vizio delle delibere assembleari che ripartiscono le spese in ambito condominiale

31 Dicembre 2019 | di Franco Petrolati

Cass. civ.

Cause condominiali (competenza per materia)

Sono state rimesse alle Sezioni Unite tre questioni sui vizi delle delibere dell'assembleari con le quali si ripartiscono le spese di gestione dei beni e servizi condominiali: 1) se la delibera che viola i criteri legali o convenzionali sia comunque nulla o, invece, sia tale solo quella che modifichi stabilmente tali criteri essendo, poi, meramente annullabile la delibera che disattenda solo episodicamente i criteri vigenti di riparto delle spese; 2) se nel procedimento di opposizione al decreto ingiuntivo emesso per la riscossione dei contributi condominiali il giudice possa sindacare o rilevare le ragioni di nullità della delibera assembleare di riparto delle spese su cui è fondata l'ingiunzione di pagamento o se, invece, tali ragioni possano essere delibate solo nel giudizio di impugnazione della delibera condominiale presupposta; 3) se la statuizione di rigetto dell'opposizione a decreto ingiuntivo emesso per la riscossione dei contributi condominiali sia idonea a formare il giudicato anche in ordine all'assenza di ragioni di nullità della presupposta delibera assembleare.

Leggi dopo

Inammissibile la querela di falso se gli errori commessi non alterano la validità della delibera assembleare

23 Dicembre 2019 | di Katia Mascia

Trib. Modena

Verbale assembleare

La giurisprudenza sostiene che il verbale redatto nel corso di un'assemblea condominiale, munito di sottoscrizione del presidente e del segretario, abbia natura di scrittura privata, essendo il valore di prova legale limitato alla provenienza delle dichiarazioni dai sottoscrittori e non estendendosi al contenuto della scrittura medesima. La querela di falso proposta avverso una scrittura privata è limitata a contestare la provenienza materiale dell'atto dal soggetto che ne abbia effettuato la sottoscrizione (falsità materiale) e non pure ad impugnare la veridicità di quanto dichiarato (falsità ideologica).

Leggi dopo

Sono beni comuni i pannelli frangisole, indipendentemente dal servizio reso alla proprietà individuale

20 Dicembre 2019 | di Adriana Nicoletti

Trib. Roma

Parti comuni (presunzione e titolo contrario)

Il Tribunale di Roma, chiamato a decidere sull'imputabilità delle spese relative alla manutenzione di pannelli frangisole collocati su alcuni balconi di proprietà esclusiva già in fase di edificazione dello stabile, ha colto l'occasione per richiamare la nozione comune di decoro architettonico, che può essere riferita, secondo risalente giurisprudenza, anche ad una sola parte dello stabile. Partendo da tale principio, il giudice ha poi risolto la questione centrale della controversia in relazione alla titolarità dei c.d. bries-soleil.

Leggi dopo

Pagine