Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Nomina dell'amministratore e omessa (o differita) indicazione del compenso

19 Agosto 2019 | di Claudio Tedeschi

Trib. Massa

Amministratore (compenso)

Il Tribunale di Massa ha dichiarato la nullità della delibera con cui l'assemblea condominiale, nominando l'amministratore, non ne aveva determinato il compenso ed aveva differito la sua quantificazione ad un successivo momento, prescindendo dall'intervento di alcun ulteriore deliberato assembleare.

Leggi dopo

Domanda di scioglimento del condominio: il giudice non può valutare il vantaggio della scelta

12 Agosto 2019 | di Adriana Nicoletti

Trib. Roma

Scioglimento del condominio

Chiamato a decidere in ordine allo scioglimento di un condominio, il Tribunale capitolino ha chiarito i limiti della propria competenza rispetto alla relativa domanda, nel senso di limitare il proprio scrutinio all'accertamento dei presupposti soggettivi ed oggettivi di quest'ultima, così come precisamente delineati dal legislatore, ma non di valutare i vantaggi della gestione separata, atteso che, diversamente, vi sarebbe un'invasione di campo del giudice nell'autodeterminazione di coloro che hanno proposto l'azione.

Leggi dopo

Morte di minore nella piscina condominiale: rispondono il Condominio, la Ditta manutentrice ed il genitore

06 Agosto 2019 | di Marina Penco

App. Brescia

Responsabilità civile (condominio)

E’ qualificabile come imprudente, negligente e pertanto colpevole la mancata messa in sicurezza della piscina condominiale ascrivibile a responsabilità del Condominio e della Ditta manutentrice.

Leggi dopo

Vendita di quota ideale del bene locato ad uso diverso: escluso il diritto di prelazione per il conduttore

01 Agosto 2019 | di Maurizio Tarantino

Trib. Massa

Prelazione

Chiamato ad accertare l'eventuale lesione dei diritti subita da una società conduttrice, il Tribunale adìto ha evidenziato che, in caso di alienazione ad un terzo o ad un altro comproprietario di una quota ideale di proprietà dell'immobile locato ad uso commerciale, non è configuratole in favore del conduttore il diritto di prelazione previsto dall'art. 38, l. n. 392/1978, né, conseguentemente, quello succedaneo di riscatto di cui all'art. 39 della stessa legge.

Leggi dopo

Il condomino non può eliminare una servitù di aria e di luce posta a favore di una finestra delle scale comuni

30 Luglio 2019 | di Adriana Nicoletti

Servitù (tutela)

Le terrazze di proprietà esclusiva sono sempre più spesso oggetto di interventi invasivi con i quali si cerca di trarre dalle stesse i massimi vantaggi. Questo avviene spesso nell'incuranza dell'aspetto estetico/architettonico dell'edificio o - come nel caso in esame - comprimendo, fino a sopprimere, il diritto che altri partecipanti vantano sui beni comuni. La necessaria cautela dei condomini nel mettere mano ad interventi che incidono sul patrimonio condominiale, inteso nel senso più ampio del termine, è la prima regola da seguire per evitare controversie nelle quali la violazione delle regole porta ad una più che probabile sconfitta giudiziaria con pesanti ripercussioni sulle opere incautamente eseguite.

Leggi dopo

Novazione del contratto di locazione e principio di immutabilità del canone legalmente dovuto

26 Luglio 2019 | di Monica Pilot

App. Venezia

Canone (aumento)

Chiamata a pronunciarsi sulla validità della clausola di aumento del canone inserita in un contratto di locazione intercorso tra le medesime parti ed avente ad oggetto l'immobile già condotto in locazione in forza di un precedente contratto sottoscritto con il medesimo locatore, nonché su analoga clausola inserita nel contesto in una successiva “convenzione modificativa di contratto di locazione ad uso commerciale”, e sulla conseguente richiesta, avanzata dal conduttore, frattanto subentrato ex art. 36, l. n. 392/1978 nel rapporto locatizio di cui a detta ultima convenzione in forza di contratto di cessione di ramo d'azienda, di restituzione dei canoni corrisposti in eccesso rispetto al dovuto, la Corte d'Appello escludeva la natura novativa del secondo contratto di locazione, conseguentemente accertando e dichiarando la nullità della clausola di aumento del canone di locazione, di contro affermando la validità di quella contenuta nella convenzione, in quanto novativa rispetto al precedente contratto, rigettando tuttavia rigettare la domanda dell'appellante, conduttore in forza dell'intervenuta cessione d'azienda, stante la dichiarata carenza di legittimazione attiva in ordine alla richiesta di restituzione del canone.

Leggi dopo

Illegittima la tabella millesimale che addebita le spese di pulizie delle scale ai proprietari dei locali aventi accesso autonomo alla pubblica strada

25 Luglio 2019 | di Maurizio Tarantino

Trib. Macerata

Spese per le scale e per l’ascensore

Chiamato ad accertare la validità delle nuove tabelle millesimali, con addebito alla proprietaria dei locali con accesso autonomo al condominio, di spese relative ai servizi relativi alla pulizia e alla luce di scale/ascensore secondo i valori millesimali, il Tribunale adìto ha evidenziato che è illegittima la tabella che attribuisce al condominio le spese relative all'uso dei beni comuni se non sono collegati ai locali esterni.

Leggi dopo

Il condomino è l'unico soggetto obbligato al pagamento degli oneri al condominio

24 Luglio 2019 | di Vito Amendolagine

Trib Roma

Riscossione dei contributi condominiali

Il Tribunale di Roma rigetta l'opposizione proposta dalla società proprietaria di un'unità immobiliare locata, fondata sul presupposto che il proprietario è l'unico soggetto tenuto al pagamento diretto degli oneri condominiali, mentre il conduttore dell'immobile, potrà soltanto essere responsabile nei rapporti interni nei confronti del medesimo proprietario per il rimborso pro-quota delle somme di sua spettanza.

Leggi dopo

Ipotizzabili anche gravi irregolarità atipiche nella revoca dell'amministratore di condominio

22 Luglio 2019 | di Enrico Morello

Trib. Catania

Amministratore (revoca giudiziale)

Il Tribunale di Catania sottolinea come il novero delle irregolarità le quali, commesse dall'amministratore di condominio, cagionano la possibilità per i condomini di agire per la sua revoca, non è un elenco tassativo e limitato agli artt. 1129 e 1130 c.c., essendo possibile ipotizzare altre condotte atipiche. Al fine di legittimare la revoca del professionista, tuttavia, tali condotte devono essere ascrivibili direttamente all'amministratore e suscettibili di cagionare un danno al condominio e ai suoi condomini.

Leggi dopo

Penale per il condominio che non esegue i lavori ordinati in via cautelare

19 Luglio 2019 | di Adriana Nicoletti

Trib. Catania

Denuncia di danno temuto

Nei condominii sono all'ordine del giorno le controversie che hanno per oggetto infiltrazioni tra proprietà esclusive o tra beni condominiali e proprietà individuali.

Leggi dopo

Pagine