Focus

Focus

Le responsabilità occulte dell'amministratore di condominio

17 Novembre 2017 | di Luca Santarelli


Amministratore (attribuzioni)

Il Legislatore riformatore del 2012, intervenendo, sia pure in modo non organico, nel tessuto della normativa condominiale, ha delineato nuove forme di responsabilità in capo all'amministratore, legate all'evoluzione culturale e giuridica di questa figura. Quello su cui, però, è opportuno concentrare l'attenzione non è tanto ciò che è normato, che ha, pur sempre, un riferimento testuale, ma ciò che invece non lo è: questo «non lo è».

Leggi dopo

Omissione di lavori necessari da parte del condomino proprietario

15 Novembre 2017 | di Fausto Moscatelli


Responsabilità penale dei condomini

Nel condominio degli edifici, miscellanea di beni, il condomino è impegnato sul duplice fronte della vigilanza e cura della cosa propria e di quella comune. Da questo ultimo profilo, i comproprietari possono essere sostituiti dall'amministratore del condominio (ove presente), laddove il pericolo derivante dalla possibile rovina di parti comuni dell'edificio incombe sul medesimo amministratore, tuttavia il dovere risorge in capo ai singoli condomini in ipotesi di comprovate cause accidentali.

Leggi dopo

Individuazione del soggetto tenuto alla registrazione della locazione immobiliare

09 Novembre 2017 | di Marcello Sinisi, Fulvio Troncone

Registrazione del contratto di locazione

La registrazione del contratto di locazione presenta rilevanti e molteplici aspetti di interesse civilistico per quanto attiene all'individuazione del contraente obbligato al relativo adempimento ed ai rapporti interni fra le parti quanto alla sopportazione del conseguente carico fiscale. Da sottolineare il diverso regime cui sono sottoposte, a decorrere dal 1 gennaio 2016, le locazioni a uso abitativo in punto di individuazione della parte obbligata alla registrazione del contratto.

Leggi dopo

Potenziamento dei sistemi di telecomunicazione e rischi di inquinamento elettromagnetico

08 Novembre 2017 | di Alberto Celeste

Impianto centralizzato di ricezione radiotelevisiva

È di massima e indubbia attualità la questione relativa alla tutela della salute dall'inquinamento elettromagnetico per quanto concerne antenne e ripetitori posizionati sull'edificio condominiale, specie per la diffusione della telefonia cellulare e per il potenziamento dei sistemi di telecomunicazione.

Leggi dopo

Creditori del condominio e recupero somme: le prime soluzioni della giurisprudenza

07 Novembre 2017 | di Adriana Nicoletti


Azioni esecutive nei confronti del condominio

Il condominio, quale centro di interessi condivisi, è il soggetto che, in termini economici, può risentire in modo rilevante della sistematica inadempienza dei suoi partecipanti al pagamento delle spese comuni.

Leggi dopo

L'opponibilità al nudo proprietario della locazione stipulata dall'usufruttuario

30 Ottobre 2017 | di Marcello Sinisi, Fulvio Troncone

Usufrutto (locazione)

Nella prassi non è inusuale la concessione in locazione di immobili in usufrutto. In tale ipotesi si pongono non pochi problemi in ordine all'opponibilità di tale contratto al nudo proprietario allorché venga a cessare per qualsivoglia ragione il suddetto diritto reale limitato. È del pari meritevole di approfondimento il coordinamento tra la tutela accordata dal codice civile al nudo proprietario con quella spettante al conduttore anche alla stregua della legislazione vincolistica.

Leggi dopo

Le garanzie per molestie

25 Ottobre 2017 | di Augusto Cirla

Locatore (obblighi)

Il locatore è tenuto per legge a garantire il conduttore da chi pretende di vantare diritti sul bene locato, da coloro cioè che rivendicano diritti contrastanti con quelli del conduttore, vuoi perché contestanti il potere dispositivo del locatore, vuoi perché reclamanti un diritto reale o personale tale da ridurre quello del conduttore. In queste circostanze è il locatore a dover prestare garanzia ai sensi dell'art. 1585, comma 1, c.c. Nel caso di molestie di fatto invece, manifestabili nell'ipotesi in cui il terzo arrechi, con il proprio illecito comportamento, un pregiudizio al godimento del bene, sarà compito del conduttore agire direttamente per far valere le proprie ragioni

Leggi dopo

Le spese per l'ascensore nel condominio minimo

24 Ottobre 2017 | di Adriana Nicoletti

Spese per le scale e per l’ascensore

Caso peculiare quello ove l'impianto di risalita non sia installato in un condominio tradizionale, ovvero formato da più unità abitative o, comunque, da un numero minimo di unità immobiliari che consentano la formazione delle canoniche maggioranze assembleari (quindi tre immobili), ma in un condominio composto da due identità immobiliari e si renda necessario intervenire sull'impianto comune; la fattispecie pone il problema di individuare, da un lato, se uno dei due condomini possa eseguire, senza il consenso dell'altro, eventuali interventi manutentivi, conservativi od innovativi e, dall'altro, ove questo avvenga, se ed in quale misura il soggetto abbia diritto al rimborso da parte di colui che si sia opposto.

Leggi dopo

Disdetta, motivi e sanzioni nelle locazioni abitative

23 Ottobre 2017 | di Riccardo Redivo

Diniego di rinnovazione (locazione ad uso abitativo)

Si esamina la riforma degli affitti di immobili destinati ad abitazione sotto il profilo della durata sia dei contratti liberi, sia di quelli c.d. tipo, nonché della facoltà per il locatore di negare il rinnovo del rapporto alla prima scadenza, adducendo i motivi specifici e tassativi introdotti dalla l. n. 431/1998; inoltre, si esaminano le tipologie di contratto considerando gli aspetti di rinnovo contrattuale, disdetta, rinnovazione tacita del rapporto, motivi di diniego e sanzioni previste a carico del locatore che si sia avvalso della facoltà di negare il rinnovo alla prima scadenza e non abbia adibito l'immobile locato all'uso indicato nella disdetta comunicata all'inquilino.

Leggi dopo

L'uso del tetto

20 Ottobre 2017 | di Luigi Salciarini


Tetto

Il tetto, come qualsiasi altra parte comune, consente ai partecipanti al condominio una serie di eterogenee modalità di godimento che vanno rapportate con la disciplina del codice civile al fine di vagliarne la legittimità o meno. Ne deriva la necessità di analizzare dette particolarità che, seppur proprie del tetto (si pensi alla costruzione di abbaini e/o di comignoli) coinvolgono l'applicazione di principi generali che la disciplina condominiale pone per qualsiasi attività di utilizzazione dei beni e degli impianti comuni.

Leggi dopo

Pagine