Focus

Focus

Accesso dell’interessato ai documenti del condominio alla luce del GDPR: problemi in vista per gli amministratori

05 Giugno 2018 | di Luca Santarelli

Privacy nel condominio

Il novellato art. 1129 c.c. consente ad ogni “interessato” di poter prendere visione e copia dei documenti afferenti il condominio. Questa nuova figura è di difficile catalogazione certa e ciò desta problemi, soprattutto alla luce della nuova normativa che attiene il trattamento dei dati personali (GDPR).

Leggi dopo

Il nuovo regolamento europeo sulla privacy nel condominio: gioie o dolori?

25 Maggio 2018 | di Ennio Rancan


Privacy nel condominio

Si analizzano gli obblighi del condominio e dell’amministratore in tema di dati personali, alla luce del General Data Protection Regulation che spiega i suoi effetti dal 25 maggio 2018. Una disciplina volta a tutelare i dati personali delle persone fisiche in maniera armonizzata in tutta Europa. Di certo, non si tratta di una rivoluzione nel panorama della protezione dei dati, bensì una puntualizzazione e una codifica degli elementi che già da tempo erano entrati nel novero delle disposizioni afferenti al trattamento dei dati sicuro.

Leggi dopo

Il calcolo dell'indennità da sopraelevazione

15 Maggio 2018 | di Giuseppe Musolino

Sopraelevazione (indennità)

Al fine di poterne fare corretta applicazione, per calcolare concretamente l'indennità spettante ai condomini, è importante comprendere quale sia la ratio dell'indennità stessa con riferimento alla sua previsione nell'art. 1127 c.c.Al riguardo, è possibile evidenziare che l'indennità in esame, dal punto di vista del soggetto che effettua la sopraelevazione, trae fondamento dall'aumento proporzionale del diritto di comproprietà sulle parti comuni conseguente all'incremento della porzione di proprietà esclusiva e...

Leggi dopo

Ricostruzione dello stabile e diritti della minoranza

04 Maggio 2018 | di Alberto Celeste

Perimento dell’edificio

In maniera opposta alla fattispecie della divisione, ma perfettamente speculare ad essa, si mostra l'ipotesi di ricostruzione dell'edificio ad opera della totalità degli ex condomini; si ribadisce così la ratio, sostanzialmente economica, della norma codicistica la quale, nel caso di perimento totale o di parte rilevante (almeno tre quarti) dello stabile condominiale, ritiene non imponibile, al singolo, la ricostruzione dell'immobile, in quanto...

Leggi dopo

Le antenne tra diritto all'informazione e limiti nell'installazione

26 Aprile 2018 | di Alberto Celeste

Antenne e fotovoltaici singoli

In relazione all'installazione dell'antenna parabolica da parte del singolo all'interno dell'edificio condominiale, occorre operare un ragionevole equilibrio e bilanciamento tra contrapposti interessi, salvo che il regolamento abbia specificato in cosa consista, ad esempio, l'alterazione dell'estetica dell'edificio, con riferimento ad elementi attinenti alla simmetria, euritmia ed architettura generale del fabbricato, sicché in tal caso non rimane che verificare se l'opera coincida o meno con le prescrizioni (da preferire) pattiziamente volute da tutti i condomini; qualora il regolamento nulla disponga al riguardo, occorre valutare il singolo caso concreto, e considerare lecita l'installazione dell'antenna...

Leggi dopo

Incendio delle parti comuni dell’edificio e colpevole inerzia dell’amministratore

18 Aprile 2018 | di Maria Beatrice Magro

Responsabilità penale dell’amministratore

La giurisprudenza è nel senso di affermare la responsabilità penale per incendio ex art. 449 c.p. a carico dell’amministratore di condominio per la mancata adozione di cautele in tema di sicurezza antincendio. In particolare, all’amministratore condominiale si muove un duplice rimprovero...

Leggi dopo

Il grave motivo che legittima il recesso del conduttore deve verificarsi dopo il rinnovo tacito del contratto

09 Aprile 2018 | di Augusto Cirla

Recesso

La facoltà di recesso integra un'eccezione alla durata della locazione, prevista inderogabilmente dalla legge per assicurare una stabilità minima del rapporto anche nell'interesse generale alla salvaguardia delle attività imprenditoriali svolte nell'immobile locato. Attraverso il recesso, il conduttore manifesta la sua volontà di interrompere il rapporto contrattuale prima della sua naturale scadenza, ma il fatto che legittima tale sua decisione deve verificarsi in un momento in cui allo squilibrio del sinallagma contrattuale può porsi rimedio solo attraverso il recesso e non già prima che al contratto poteva porvisi termine con la formale disdetta che ne avrebbe impedito il rinnovo tacito.

Leggi dopo

La tutela dell’acquirente di multiproprietà

27 Marzo 2018 | di Ettore Ditta

Multiproprietà

Mentre l'individuazione della natura giuridica della multiproprietà (immobiliare, azionaria o alberghiera) resta oggetto di esame da parte degli studiosi del diritto, il nostro ordinamento dall'anno 1998 è finalmente dotato di una disciplina diretta a tutelare almeno la fase dell'acquisto del diritto. Le disposizioni di tutela sono attualmente inserite nel Codice del consumo.

Leggi dopo

Il valore probatorio e l'efficacia giuridica del verbale assembleare

22 Marzo 2018 | di Alberto Celeste

Verbale assembleare

Le varie manifestazioni di volontà nell'assemblea condominiale non si sommano, ma si fondono, in base al principio maggioritario, in modo che la volontà della maggioranza diventa la volontà di tutti: mediante la deliberazione, la collettività condominiale esteriorizza la sua volontà, rendendola nota e operante (anche nei confronti della minoranza e dei terzi), ed il verbale ha la funzione strumentale di rappresentare tale volontà, documentandone il processo formativo; in quest'ottica, si analizza il peculiare valore probatorio che assume il verbale assembleare e che efficacia giuridica lo stesso può rivestire riguardo ai condomini e ai terzi.

Leggi dopo

La protezione del conto corrente condominiale: realtà o utopia?

15 Marzo 2018 | di Luca Santarelli


Conto corrente del condominio

La Riforma del 2013 ha coinvolto anche la figura del “fornitore” del condominio: infatti, il Legislatore, riformando l'art. 63 disp. att. c.c., ha previsto che i creditori possono agire avverso i condomini in regola dei pagamenti, solo dopo aver escusso il condomino debitore, e questa letterale formulazione usata stimola profonde valutazioni.

Leggi dopo

Pagine