Focus

Focus

Decreto Rilancio: ecobonus potenziato al 110%

07 Agosto 2020 | di Maurizio Tarantino

Recupero edilizio

Il c.d. d.l. Rilancio n. 34/2020 introduce nuovi incentivi volti alla riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, con un incremento dell'aliquota di detrazione sino al 110% delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 sino a fine 2021. Questo superbonus prevede requisiti tecnici specifici e differenti rispetto a quanto previsto per l'ecobonus ordinario. In particolare, il superbonus al 110% è per tutti gli interventi di risparmio energetico realizzati sugli interi edifici, di proprietà condominiale o privata, ma solo nel caso in cui l'immobile unifamiliare sia destinato a prima casa. Il bonus potrà essere ceduto alle imprese a fronte di uno sconto in fattura, e le imprese potranno a loro volta cederlo alle banche in cambio di liquidità. Queste stesse opportunità sono previste, di qui fino al 31 dicembre del 2021, anche per il bonus facciate al 90%, e per le detrazioni “ordinarie” per ristrutturazione e risparmio energetico.

Leggi dopo

La tutela degli acquirenti di immobile da costruire alla luce del codice della crisi di impresa e dell'insolvenza

06 Agosto 2020 | di Patrizia Petrelli

Costituzione del condominio

Con il d.lgs. 12 gennaio 2019, n. 14 (meglio noto come Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza) sono state introdotte rilevanti novità in tema di tutela degli acquirenti di immobili da costruire, che vengono a modificare parzialmente la precedente disciplina contenuta nel d.lgs. 20 giugno 2005, n. 122, peraltro, già oggetto di un precedente intervento legislativo attuato con il d.l. 28 marzo 2014, n. 47, convertito in l. 23 maggio 2014, n. 80. Le disposizioni del nuovo Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza, entrate in vigore il 16 marzo 2019, hanno apportato modifiche in ordine alla tutela fideiussoria e assicurativa dell'acquirente di un immobile da costruire nonché sul contenuto del contratto preliminare tra acquirente e costruttore.

Leggi dopo

Bonus affitti 2020: le istruzioni dell'agenzia dell'entrate per l'utilizzo del credito d'imposta per le locazioni commerciali

08 Luglio 2020 | di Maurizio Tarantino

Canone (riduzione e autoriduzione)

L'emergenza epidemiologica ed i conseguenti provvedimenti adottati dal Governo al fine di contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19, validi per tutto il territorio nazionale, hanno inciso pesantemente su rapporti commerciali e privatistici. Premesso ciò, il bonus affitti 2020 è già utilizzabile per il pagamento delle imposte a debito: l'Agenzia delle Entrate ha infatti recentemente reso noto il codice tributo 6920 da indicare in F24. Ricordiamo comunque che il credito d'imposta spetta solo se l'affitto è stato effettivamente pagato

Leggi dopo

I reati connessi all'accesso, alla diffusione e alla falsificazione dei documenti condominiali

01 Luglio 2020 | di Maria Beatrice Magro

Responsabilità penale dell’amministratore

In ordine alla tutela penale del diritto del condominio all'accesso alla documentazione condominiale, premettiamo che, mentre sussiste sul piano civilistico il dovere dell'amministratore di custodire la documentazione inerente la gestione condominiale, e il corrispondente diritto del condominio di accedere, prendere visione e trarre copia di tale documentazione, sotto il profilo penalistico, viceversa, non sussiste alcuna penale che garantisca, in vigenza del mandato, l'accesso ai contenuti della documentazione da parte di ciascun condominio che ne abbia interesse. La tutela penale si configura solo nella fase patologica e conclusiva del mandato dell'amministratore. In proposito la giurisprudenza di legittimità è costante...

Leggi dopo

Lo svolgimento delle assemblee condominiali “in presenza”, al tempo del coronavirus

05 Giugno 2020 | di Paolo Scalettaris

Assemblea (adempimenti preliminari)

Le disposizioni in tema di emergenza legata all'epidemia da coronavirus hanno reso assai difficile la gestione dei condominii con riguardo in particolare allo svolgimento delle assemblee. La FAQ della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 13 marzo 2020 ha escluso che, nella c.d. fase uno le assemblee condominiali “in presenza” si potessero tenere. La situazione è cambiata nella c.d. fase due: secondo quanto ha previsto il comma 10 dell'art. 1, d.l. 16 maggio 2020, n. 33, lo svolgimento delle riunioni (e, dunque, anche delle assemblee “in presenza”) deve considerarsi consentito a condizione che sia rispettata la distanza interpersonale di sicurezza di almeno un metro. Nel testo che segue, vengono esaminati, alla luce dei principi propri della disciplina del condominio, alcuni dei problemi anche di carattere pratico ed operativo cui lo svolgimento delle assemblee nelle condizioni indicate può dare luogo.

Leggi dopo

Le spese del procedimento di mediazione obbligatoria

29 Maggio 2020 | di Adriana Nicoletti

Mediazione obbligatoria (condominio)

Nelle controversie condominiali, che per disposizione legislativa comprendono tutte le liti che interessano condominio e condomini, il procedimento della mediazione obbligatoria si pone come via stragiudiziale preventiva per tentare di raggiungere un accordo bonario che scongiuri il ricorso alla via giudiziaria. Nel d.lgs. n. 28/2010 e nelle sue successive modificazioni, alcune disposizioni determinano non solo le modalità con le quali sono definite, in sede di provvedimento giudiziario, anche le spese processuali concernenti la mediazione obbligatoria, ma altresì le sanzioni che devono o possono essere irrogate dal giudice nei confronti della parte che, per colpa o dolo, tenga un comportamento che contrasti con la finalità della normativa

Leggi dopo

Obblighi di aggiornamento dell'amministratore condominiale e COVID-19

25 Maggio 2020 | di Guerino De Santis

Amministratore (requisiti e incompatibilità)

La formazione e l'aggiornamento dell'amministratore di condominio sono stati due parametri espressamente voluti dalla legge di riforma del condominio del 2012, e dai regolamenti successivi, con la chiara finalità di qualificazione in linea con gli standard europei, puntando sulla competenza dei soggetti che dell'attività in questione ne hanno fatto un lavoro. L'emergenza sanitaria scaturita dalla pandemia Covid-19 ha stravolto il mondo della formazione, compresa quella degli amministratori di condominio, che ora si chiedono come dovranno formarsi e, soprattutto, con quali modalità. Con questo contributo cercheremo di dare le prime risposte interpretative.

Leggi dopo

Gli accordi di riduzione del canone per le locazioni abitative “agevolate”

20 Maggio 2020 | di Paolo Scalettaris

Canone (determinazione)

Un tema che soprattutto oggi, in tempi di emergenza da coronavirus, presenta grande interesse ed attualità in materia di locazione è quello degli accordi di riduzione del canone che molti conduttori - sia nel caso di locazione commerciale sia nel caso di locazione abitativa - propongono ai locatori di stipulare. Le modalità di stipulazione e gli effetti di accordi di tale natura danno luogo a questioni specifiche - la cui soluzione non è facile - nel caso delle locazioni abitative c.d. agevolate, e cioè delle locazioni previste dal comma 3 dell'art. 2, l. n. 431/1998. Due in particolare sono i problemi che si pongono in argomento: da un lato, vi è da chiedersi se l'accordo di riduzione del canone debba rispettare il livello minimo della fascia fissata per il canone dall'accordo locale intervenuto tra le organizzazioni dei proprietari e dei conduttori e quali possano essere le conseguenze del mancato rispetto di tale soglia minima; dall'altro lato, vi è da chiedersi se la stipulazione di un accordo di riduzione del canone renda necessaria l'acquisizione di una nuova “attestazione di rispondenza” del contenuto del contratto all'accordo locale. In questa sede prenderemo in considerazione - dopo avere compiuto un breve esame dei caratteri propri delle locazioni “agevolate” - i quesiti ora indicati.

Leggi dopo

COVID-19 e il problema del pagamento dei canoni senza il concreto godimento degli immobili commerciali

15 Maggio 2020 | di Maurizio Tarantino

Canone (riduzione e autoriduzione)

L'emergenza epidemiologica ed i conseguenti provvedimenti adottati dal Governo al fine di contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19, validi per tutto il territorio nazionale, hanno inciso pesantemente su rapporti commerciali e privatistici. La chiusura degli esercizi commerciali e la sospensione di tutte le attività produttive, ad eccezione di quelle espressamente previste dalla normativa, hanno generato il dubbio circa la possibilità di chiedere ed ottenere la sospensione o riduzione dei canoni nei contratti di locazione di immobili ad uso commerciale, evocando gli istituti giuridici dell'impossibilità sopravvenuta per causa non imputabile al debitore o dell'eccessiva onerosità della prestazione del pagamento del canone di locazione. Premesso quanto esposto, alla luce degli interessi in gioco, l'obbiettivo del presente focus è quello di fornire all'interprete l'analisi delle possibili soluzioni a tutela del conduttore.

Leggi dopo

Rinnovo della nomina dell'amministratore in mancanza dell'assemblea ordinaria, anche ai tempi del coronavirus

11 Maggio 2020 | di Luca Santarelli

Amministratore (durata e prorogatio)

Il riformatore del 2012 ha introdotto l'istituto giuridico del rinnovo della nomina dell'amministratore. A pena di nullità ha previsto che lo stesso deve indicare il suo analitico compenso. Allo stesso tempo, anche dopo la riforma, è prevista l'obbligatorietà dell'assemblea annuale ordinaria. Il quesito che sorge è se questi due dati normativi prevedono fattispecie tra di loro connesse oppure no, e cioè se tra di loro sussiste coincidenza temporale.

Leggi dopo

Pagine