Focus

Focus

Rinnovo sine die dell’incarico annuale dell’amministratore di condominio e il definitivo abbandono della prorogatio imperii

18 Ottobre 2018 | di Giuseppe Magra

Amministratore (durata e prorogatio)

La Riforma della normativa condominiale ha sostanzialmente modificato l’art. 1129 c.c., nella parte in cui disciplina la durata dell’incarico dell’amministratore, prevedendo un rinnovo del mandato annuale, per egual periodo, ed introducendo alcuni obblighi connessi alla durata e cessazione dell’incarico che, visti in modo sistematico, delineano un nuovo e più compiuto assetto del mandato gestorio...

Leggi dopo

La notifica dell’atto introduttivo nel procedimento per convalida di disdetta o sfratto

15 Ottobre 2018 | di Nino Scripelliti

Convalida di licenza e sfratto (fase sommaria)

Si registra una particolare attenzione, posta dal legislatore codicistico, affinché gli adempimenti ulteriori rispetto allo schema tipico della notificazione, disposti per la notificazione dell’intimazione di sfratto o di disdetta e contestuali alla citazione, siano in grado di determinare non solo che l’atto pervenga nella sfera di disponibilità del destinatario, ma anche...

Leggi dopo

L'amministratore ad acta per risolvere le crisi gestorie nel condominio

12 Ottobre 2018 | di Alberto Celeste

Provvedimenti necessari per la cosa comune

L'ultimo capoverso dell'art. 1105 c.c. contempla la possibilità, in capo al magistrato adìto in sede di volontaria giurisdizione, qualora si verifichino situazioni di impasse gestorie all'interno del condominio, di nominare un amministratore ad acta, sia per l'ordinaria amministrazione dei beni, sia in relazione a singoli atti da eseguire. Tale nomina dovrebbe, però, ricorrere nei casi più gravi, perché finisce con il sostituire coattivamente la volontà negoziale con una scelta ab estrinseco fatta dall'autorità...

Leggi dopo

La procedura divorzile tra comunione e condominio e la nascita del supercondominio

10 Ottobre 2018 | di Luca Santarelli

Supercondominio (costituzione e parti comuni)

Il dettato normativo degli artt. 61 e 62 disp. att. c.c. è stato lasciato immutato dalla Riforma del 2013. Così che oggi, come da sempre, in presenza di determinate situazioni fattuali si può verificare la separazione del condominio in due o più condominii. La procedura non è sempre agevole...

Leggi dopo

I casi di elevazione del tetto

09 Ottobre 2018 | di Giuseppe Musolino

Sopraelevazione (requisiti e modalità)

L’ipotesi tipica di sopraelevazione, si ha nel caso di costruzione da parte del condomino proprietario dell’ultimo piano, che, per compiere la sopraelevazione, sposta verso l’alto il tetto comune all’edificio. In questa fattispecie rientra anche quella in cui l’ultimo piano sia di proprietà di più codomini

Leggi dopo

Legittimazione e regime delle spese nella nomina giudiziale dell’amministratore

05 Ottobre 2018 | di Patrizia Petrelli

Amministratore (nomina giudiziale)

La nomina giudiziale dell’amministratore di condominio può essere richiesta non solo, da uno o più condomini, ma anche dall’amministratore dimissionario mediante la proposizione di un ricorso secondo il rito dei procedimenti di volontaria giurisdizione. La nomina da parte dell’autorità giudiziaria è possibile solo se i condomini sono più di otto e in caso di inerzia da parte dell’assemblea o di impossibilità a formare una maggioranza...

Leggi dopo

La legittimazione passiva dell'amministratore nelle liti condominiali

03 Ottobre 2018 | di Vito Amendolagine

Amministratore (legittimazione passiva)

L'analisi si sofferma sulla legittimazione dell'amministratore del condominio dal lato passivo che, ai sensi dell'art. 1131, comma 2, c.c., non incontra limiti e sussiste, anche in ordine all'interposizione di ogni mezzo di gravame che si renda eventualmente necessario, in relazione ad ogni tipo di azione, anche reale o possessoria, promossa nei confronti del condominio da terzi o da un singolo condomino...

Leggi dopo

La proprietà privata tra diritto civile e Costituzione: le responsabilità dell'amministratore

01 Ottobre 2018 | di Luca Santarelli

Proprietà esclusive (opere)

Con il novellato art. 1122 c.c., il legislatore compie un'evoluzione culturale giuridica del condominio. Questi è un insieme costituito da beni comuni e proprietà privata. Il rispetto e la sicurezza delle seconde permette il rispetto e la sicurezza del bene comune e, quindi, dell'intero stabile. Per questo, ogni singolo proprietario, fermo il diritto reale erga omnes, non può ritenersi legittimato...

Leggi dopo

Le spese straordinarie condominiali a carico del nudo proprietario

27 Settembre 2018 | di Giuseppe Musolino

Usufrutto (condominio)

Nella suddivisione delle spese condominiali fra usufruttuario e nudo proprietario, a quest’ultimo spettano quelle di carattere straordinario, che riguardano non solo le opere per la manutenzione straordinaria, ma anche i lavori di riparazione straordinaria

Leggi dopo

Il sottile spartiacque tra lavori di manutenzione urgenti e riparazioni ordinarie o straordinarie

24 Settembre 2018 | di Luca Santarelli

Manutenzione (ordinaria e straordinaria)

Molti dissidi e contenziosi condominiali sorgono sulla discussa natura dei lavori di manutenzione da apportare allo stabile e/o alle parti comuni. Individuarne la natura è determinante sia per inquadrare gli obblighi dell'amministratore, sia per conoscere quale sia il corretto quorum deliberativo.

Leggi dopo

Pagine