Bussola

Suolo e sottosuolo

13 Settembre 2017 |

Sommario

Inquadramento | Il suolo su cui sorge l'edificio | Il solaio del piano terreno | Il terrapieno e l'area circostante il fabbricato | Il sottosuolo | Casistica | Guida all'approfondimento |

 

Il termine «suolo», nel linguaggio corrente (non giuridico) assume un significato che si può dire «comune» (nel senso di generalmente accettato) e che identifica la cosa de qua con la superficie del terreno, o con il c.d. piano di campagna, utilizzando, in quest'ultimo caso, un'espressione un po' più tecnica; secondo questo significato, quindi, il suolo sarebbe una linea ipotetica (ad altezza e posizione variabile) che corrisponde alla superficie direttamente calpestabile o percorribile. Tuttavia, nello specifico campo del diritto condominiale, il termine assume un senso diverso, che si distacca dal linguaggio comune per assumere un significato specialistico (e, quindi, valevole solo per la materia in esame): si afferma che il «suolo» indicato dall'art. 1117 c.c. corrisponde alla superficie, in estensione e profondità, su cui poggia l'edificio in condominio e ne è interessata dalle sollecitazioni dei relativi carichi. Tale definizione, apparentemente chiara, necessita nondimeno di un'ulteriore specificazione, poiché il suolo non può ridursi, semplicemente, al piano geometrico costituito dal citato «piano di campagna», ma sia concretamente dotato di uno spessore e, quindi, debba essere individuato nel piano dove poggiano le fondamenta dell'edificio, il quale, evidentemente, non...

Leggi dopo