Bussola

Rinnovazione tacita del contratto di locazione

19 Luglio 2018 |

Sommario

Inquadramento | Rinnovazione, novazione e proroga della locazione | Il rinnovo della locazione per mancanza di disdetta nella legislazione speciale | La rinnovazione tacita | In conclusione | Guida all’approfondimento |

 

  Secondo la disciplina dettata dall'art. 1597 c.c., si ha il rinnovo della locazione, sia per le locazioni abitative, e sia per quelle ad uso diverso, in due casi distinti:             a) nella locazione in cui è prevista la durata, se, scaduto il termine previsto in contratto, «il conduttore rimane ed è lasciato nella detenzione della cosa locata»;             b) nella locazione senza determinazione di tempo, se non è stata comunicata tempestiva disdetta.  Secondo la legislazione speciale, invece, sono state previste due categorie di rapporti, e la cessazione o rinnovazione è disciplinata da un meccanismo piuttosto complesso: le locazioni ad uso di abitazione, sono disciplinate dall'art. 2 della l. 9 dicembre 1998, n. 431, le locazioni ad uso diverso dall'abitativo, per quanto riguarda la durata e il rinnovo, sono disciplinate dagli artt. 27, 28 e 29 della l. n. 392/1978.    

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Le Bussole correlate >