Bussola

Responsabilità penale dell’amministratore

10 Ottobre 2017 |

Sommario

Inquadramento | La posizione di garanzia | L'elemento soggettivo e le responsabilità dei condomini mandanti | La condotta omissiva di mancato impedimento e l'evento non impedito | Nesso di causalità | Casistica | Guida all'approfondimento |

 

La responsabilità penale dell'amministratore condominiale (in quanto tale considerato) è strettamente connessa alla posizione di garanzia che egli assume nel momento della accettazione del mandato ad amministrare. Tale responsabilità va ricondotta nell'ambito della disposizione (art. 40, comma 2, c.p.) per la quale «non impedire un evento che si ha l'obbligo giuridico di impedire equivale a cagionarlo». Per rispondere del mancato impedimento di un evento è cioè necessaria, in forza di tale norma, l'esistenza di un obbligo giuridico di attivarsi allo scopo: detto obbligo può nascere da qualsiasi ramo del diritto, e quindi anche dal diritto privato, e specificamente da una convenzione che da tale diritto sia prevista e regolata com'e nel rapporto di rappresentanza volontaria intercorrente fra il condominio e l'amministratore (Cass. pen., sez. IV, 23 settembre 2009, n. 39959). Si tratta dello schema del reato omissivo improprio, che consiste nella violazione dell'obbligo di impedire un evento (obbligo di garanzia).   In evidenza L'obbligo di garanzia è l'obbligo giuridico gravante su specifiche categorie predeterminate di soggetti previamente forniti di adeguati poteri giuridici di impedire eventi offensivi di beni altrui affidati alla loro tutela per contratto o dalla legge p...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Focus

Focus

Su Responsabilità penale dell’amministratore

Vedi tutti »