Bussola

Rent to buy

10 Aprile 2018 |

Sommario

Inquadramento | Struttura del contratto ed obblighi delle parti | Forma e trascrizione | Soggetti e oggetto del “rent to buy” | La regolamentazione del godimento | Risoluzione del contratto e tutela delle parti | Il fallimento di una delle parti | Casistica | Guida all'approfondimento |

 

I contratti di rent to buy, ispirati all'istituto dell'affitto con riscatto, si sono diffusi negli ultimi anni per consentire la compravendita di beni immobili in un contesto di forte crisi nel settore immobiliare e a causa delle crescenti difficoltà per il futuro acquirente di ottenere finanziamenti bancari. In mancanza di una normativa specifica la prassi notarile aveva elaborato diverse soluzioni contrattuali volte a rendere possibile l'incontro domanda-offerta nel mercato immobiliare. Il legislatore con l'art. 23 del d.l. 12 settembre 2014, n.133, convertito in Legge 11 novembre 2014, n. 164, ha dettato una disciplina specifica, prevedendo un nuovo contratto tipico, definito quale contratto di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili. La nuova fattispecie contrattuale viene configurata come un contratto di concessione di godimento, simile alla locazione ma che da essa si differenzia, dove è previsto il diritto del conduttore di acquistare la proprietà dell'immobile a una determinata scadenza. All'interno di questo schema contrattuale, è consentito alle parti di regolare in modo diverso il loro rapporto, soprattutto in relazione alla ripartizione del versamento periodico tra canone per il godimento e anticipo sul corrispettivo previsto per il futuro (e...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento