Bussola

Impianto idrico e fognario

31 Luglio 2017 |

Sommario

Inquadramento | Osservazioni generali sull'impianto idrico | Problematiche relative all'impianto idrico | L'impianto di autoclave | Amministratore e qualità dell'acqua | Casistica | Impianto fognario e scarichi condominiali: osservazioni generali | Problematiche varie | Guida all'approfondimento |

 

L'art. 1117, n. 3), c.c. nel definire parti comuni dell'edificio, le opere, le installazioni ed i manufatti che siano destinati all'uso comune, indica specificatamente - ma non esaustivamente - i pozzi, le cisterne e gli impianti idrici e fognari: questi ultimi considerati nel complesso delle rispettive componenti. La norma è stata in parte modificata dalla novella di cui alla l. n. 220/2012 che, rispetto al pregresso, ha eliminato la voce «acquedotti», non propriamente adeguata alla materia condominiale, ed ha inserito la nuova voce «fognature, canali di scarico ed impianti per l'acqua», comprendendo in essa tutto quanto funzionalmente collegato alla fruizione dell'acqua ed al relativo smaltimento. Una ulteriore modifica rispetto al testo originario dell'art. 1117, n. 3), va individuata là dove si affermava che la proprietà comune degli impianti si fermava «al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini», mentre oggi è stato specificato che tale presunzione interessa anche i «collegamenti» tra i due tratti di tubazioni, fatte salve le «normative di settore in materia di reti pubbliche», che prevalgono sulle disposizioni del codice civile.

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Focus

Focus

Su Impianto idrico e fognario

Vedi tutti »