Bussola

Conto corrente del condominio

Sommario

Inquadramento | Natura del conto corrente | Conto corrente e rendiconto | Accesso dei condomini al conto corrente | Il pignoramento del conto corrente condominiale | Profili penali | Casistica | Guida all'approfondimento |

 

Il conto corrente condominiale ha assunto, negli ultimi anni, sempre maggiore rilevanza, fino a costituire un obbligo giuridico ben determinato all'interno della l. n. 220/2012 (c.d. riforma del condominio); ciò appare comprensibile, visto che il conto corrente sta diventando il punto di riferimento principale in relazione alle normative dirette a contrastare l'evasione fiscale e il riciclaggio, in quanto gli istituti bancari costituiscono o, almeno dovrebbero costituire, il più affidabile intermediario finanziario. Inizialmente non era avvertita la necessità di dotare il condominio di un conto corrente in quanto l'amministratore faceva le veci di tesoriere e di cassiere del condominio; la conseguenza, peraltro era che, dal punto di vista giuridico, l'amministratore, normalmente, gestiva con un'unica cassa (normalmente un conto corrente a lui intestato) tutte le situazioni economiche condominiali per cui, l'unico mezzo di controllo, era esperibile attraverso i registri di cassa “dare-avere” dei singoli condomini e poteva risultare oltremodo complesso, soprattutto in ipotesi di contabilità disordinata, riuscire a decifrare la situazione contabile in caso di contestazioni; tutta la documentazione probatoria, infatti, rimaneva nelle mani dell'amministratore per cui, di fatto, ass...

Leggi dopo