Bussola

Conduttore (obblighi)

03 Ottobre 2017 |

Sommario

Il quadro normativo | L'obbligo di prendere in consegna | L'obbligo di custodia | Custodia giuridica e custodia di fatto | Il non uso dell'immobile | L'obbligo di diligenza nell'uso della cosa locata | Le piccole riparazioni a carico dell'inquilino | L'obbligo di dare avviso al locatore per le riparazioni urgenti | Il pagamento del corrispettivo | Il deposito cauzionale | Gli interessi sui canoni scaduti | Il rispetto dell'uso convenuto | L'uso diverso dal pattuito e l'art. 80 della l. 27 luglio 1978, n. 392 | Il termine per l'esercizio dell'azione di risoluzione | L'obbligo di restituire | In conclusione | Guida all'approfondimento |

 

Per l'art. 1587 c.c., le obbligazioni principali del conduttore sono due: a) «prendere in consegna la cosa locata e osservare la diligenza del buon padre di famiglia nel servirsene per l'uso determinato nel contratto o per l'uso che può altrimenti presumersi dalle circostanze»; b) dare il corrispettivo nei termini convenuti. È opinione condivisa che tra le obbligazioni principali del conduttore, sia compresa anche quella prevista dall'art. 1590 c.c. di restituire la cosa locata al termine del contratto nelle medesime condizioni in cui la ha ricevuta, salvo il deterioramento dovuto a vetustà o all'uso normale. Si è osservato in dottrina che il prendere in consegna la cosa locata, non costituisce una obbligazione in senso tecnico, e che, all'opposto, la seconda parte del n. 1) dell'art. 1587 contiene la enunciazione di due effettive obbligazioni principali (rectius essenziali) del conduttore: «quella di osservare la diligenza nell'uso della cosa e quella (negativa) di non oltrepassare nel godimento di essa il limite della destinazione contrattuale» (Tabet). Altra obbligazione del conduttore, sia pure eventuale, è quella di eseguire le riparazioni di piccola manutenzione che sono a suo carico (art. 1609 c.c.).

Leggi dopo

Le Bussole correlate >