Bussola

Autorimesse, scantinati e seminterrati

14 Novembre 2018 |

Sommario

Inquadramento | Autorimessa comune | Uso turnario | Doveri dell'amministratore | Problematiche connesse all'uso del garage condominiale | Scantinati e seminterrati | Guida all'approfondimento |

 

Il novellato art. 1117, n. 2), c.c., per la prima volta, ha indicato tra i beni comuni dell'edificio le aree destinate a parcheggio senza operare alcuna distinzione tra aree scoperte (come ad esempio i cortili oppure gli spazi appositamente delimitati nei viali comuni di un supercondominio) e coperte, costituite dai garage condominiali nei quali le autovetture vengono posteggiate indifferentemente negli spazi delimitati dalle strisce. In questo caso, a meno che i posti non siano stati assegnati catastalmente come pertinenza dei relativi appartamenti, il problema più comune sorge con riferimento all'uso di detti spazi che può anche essere disciplinato dal regolamento condominiale, anche se molto spesso tale atto si limita a definire l'autorimessa come parte comune senza prevedere specifiche indicazioni in merito alle modalità di utilizzo. La piena operatività, nella fattispecie, dell'art. 1102 c.c., che disciplina l'uso della cosa comune (nella comunione come nel condominio), è pacifica ma si arresta di fronte all'insufficienza del numero dei posti auto rispetto a quello dei condomini aventi diritto per cedere il passo al principio della c.d. “turnazione” o “uso turnario”. Le cantine, invece, sono beni di proprietà esclusiva in quanto costituiscono pertinenza dell'appartamento ...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >