News

In mancanza dell’unanimità, è nulla la delibera che approva l’installazione di un’antenna per la telefonia

La Corte d’appello di Milano aveva confermato la pronuncia di primo grado della declaratoria di nullità della delibera assembleare. Difatti, in tal giudizio, un condomino aveva impugnato la delibera in quanto, la stessa, aveva autorizzato l’installazione di un’antenna per la telefonia mobile sul lastrico solare del palazzo, senza però, osservare l’unanimità.

 

La Corte d’appello, in particolare, rilevava che vi era stata anche la violazione dell’art. 1120, secondo comma, c.c., poiché l’antenna, in ragione delle dimensioni dell’impianto e delle sue caratteristiche, comprometteva l’utilizzo del lastrico solare. Avverso tale pronuncia, il condominio ha proposto ricorso in cassazione eccependo anche che il condomino, accettando la sua quota millesimale del canone pagato dalla Società di telefonia, avrebbe perso l’interesse ad agire per la declaratoria di nullità della delibera condominiale.

Nel giudizio di legittimità, quanto all’interesse ad agire, la Corte ha osservato che l'oggetto del presente giudizio era l'annullamento della delibera assembleare di installazione dell'antenna sul lastrico, non la validità del contratto tra il condominio e la compagnia telefonica. Premesso ciò, secondo la Cassazione, la Corte d’appello aveva correttamente annullato la delibera  anche  in relazione dello spazio occupato dall’antenna sul lastrico solare. Difatti, contrariamente a quanto sostenuto dal condominio, detto ingombro, ancorché limitato, era sufficiente a compromettere l’utilizzo del lastrico non solo riguardo alla porzione occupata, ma al bene nel suo complesso, considerando anche gli strumenti, gli elementi accessori e gli spazi che gli stessi occupavano. Per le suesposte ragioni, il ricorso è stato rigettato e, per l’effetto, è stata confermata la nullità della delibera.

 

 

 

Leggi dopo