Giurisprudenza commentata

L'evoluzione del concetto di canone differenziato

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Riferimenti |

 

Ad avviso del Supremo Collegio, riguardo agli immobili destinati ad uso non abitativo, deve ritenersi legittima la clausola con cui viene pattuita l'iniziale predeterminazione del canone in misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo nell'arco del rapporto, purché siano rispettate determinate condizioni, mentre la legittimità di tale clausola va esclusa qualora risulti che i contraenti abbiano in realtà perseguito surrettiziamente lo scopo di neutralizzare soltanto gli effetti della svalutazione monetaria.

Leggi dopo