Giurisprudenza commentata

La registrazione (successiva) di un contratto di locazione abitativa concluso verbalmente

Sommario

Massima | Il caso | La questione | La soluzione giuridica | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

Il Tribunale di Roma esamina un'interessante questione concernente la nullità del contratto di locazione stipulato verbalmente, per l'inosservanza del requisito della forma scritta prevista ad substantiam, il cui vizio non può essere sanato per effetto della semplice registrazione postuma del rapporto, a seguito della denuncia presentata unilateralmente dall'occupante all'Agenzia delle Entrate, con il conseguente obbligo, gravante sul medesimo occupante, di rilasciare l'immobile nella disponibilità del proprietario, e di corrispondere, per l'intero periodo di detenzione sine titulo la relativa indennità con gli accessori dovuti ex lege.

Leggi dopo