Giurisprudenza commentata

La compagnia telefonica può disporre del lastrico di un edificio condominiale per posarvi le antenne stipulando un accordo con effetti reali o obbligatori

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

Chiamate su una questione di massima di particolare importanza, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno precisato che la società telefonica può disporre del lastrico di un edificio condominiale per posarvi le antenne stipulando un accordo con effetti reali od obbligatori. In particolare, secondo i giudici di legittimità, il proprietario di un lastrico solare che vuole concedere a terzi, a titolo oneroso, la facoltà di installare un ripetitore per un certo tempo, godendo dell'impianto, che deve essere asportato alla fine del contratto, può ricorrere a due diversi schemi negoziali: un contratto ad effetti reali o un contratto atipico di concessione dello ius aedificandi con effetti obbligatori, ipotesi che richiedono l'unanimità dei condomini nel primo caso, mentre nel secondo solo se il contratto ha una durata superiore ai nove anni.

Leggi dopo