Giurisprudenza commentata

Il pagamento eseguito dal condomino a mani dell'amministratore, nei limiti della quota dovuta, è liberatorio

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

Puntualizzando la natura delle obbligazioni assunte dal condominio nei confronti di un terzo, una recente sentenza della Cassazione ha analizzato una fattispecie in cui il singolo condomino aveva contribuito alle spese, nei limiti della propria quota, corrispondendo l'importo dovuto all'amministratore, a fronte del precetto intimato dal terzo creditore in ordine al pagamento diretto di tale quota in suo favore e all'asserita inopponibilità dell'esborso effettuato al rappresentante del condominio.

Leggi dopo