Giurisprudenza commentata

Domanda di scioglimento del condominio: il giudice non può valutare il vantaggio della scelta

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

Chiamato a decidere in ordine allo scioglimento di un condominio, il Tribunale capitolino ha chiarito i limiti della propria competenza rispetto alla relativa domanda, nel senso di limitare il proprio scrutinio all'accertamento dei presupposti soggettivi ed oggettivi di quest'ultima, così come precisamente delineati dal legislatore, ma non di valutare i vantaggi della gestione separata, atteso che, diversamente, vi sarebbe un'invasione di campo del giudice nell'autodeterminazione di coloro che hanno proposto l'azione.

Leggi dopo