Giurisprudenza commentata

Diritto di prelazione e vendita (in blocco) dell'immobile locato in sede fallimentare

18 Novembre 2019 |

Trib. Bologna

Prelazione

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

Nel contesto di un procedimento di sfratto per morosità, promosso sulla base di distinti contratti di locazione aventi ad oggetto una pluralità di immobili, nei quali il locatore era succeduto a titolo particolare per essersi reso acquirente, in sede fallimentare, dell'intero complesso residenziale, al cui interno, tra gli altri, i medesimi erano ricompresi, il giudice, chiamato a decidere in ordine alla domanda riconvenzionale proposta dal conduttore taluni dei locali del complesso, che, interposta opposizione all'intimato sfratto, eccepiva il mancato rispetto del diritto di prelazione, e del conseguente diritto di riscatto, vagliata la sussistenza della fattispecie della cd. vendita in blocco, rigettava la proposta domanda, affermando l'inapplicabilità del diritto di prelazione e riscatto di cui agli artt. 38 e 39 della l. 392/78 nel caso di immobili acquistati in sede fallimentare, e, accertata e dichiarata la gravità dell'inadempimento del conduttore, dichiarava la risoluzione dei contratti di locazione, disponendo il rilascio degli immobili, con condanna del convenuto intimato al pagamento dei canoni.

Leggi dopo