Focus

L’home restaurant e la realtà condominiale

Sommario

Il quadro normativo | Le prime indicazioni ministeriali | Il disegno di legge | Il parere dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato | La particolare vicenda amministrativa della Regione Campania | La realtà condominiale | In conclusione | Guida all'approfondimento |

 

Il social eating può trasformarsi in possibilità di guadagno ed è da qui che ha origine il c.d. home restaurant. In particolare, mentre il fenomeno social eating, che ha come caratteristica principale l'assenza dello scopo di lucro e la saltuarietà degli eventi, l'home restaurant ha una connotazione più imprenditoriale, trattandosi di un vero e proprio ristorante che si svolge in abitazione privata al fine di realizzare utili. Risiede, pertanto, nel carattere professionale dell'attività l'elemento che contraddistingue il ristorante casalingo dalla semplice condivisione dell'evento culinario: quando l'organizzazione di pranzi o cene in abitazione privata non risponde più al solo piacere dello chef di cucinare per pochi amici o ospiti, ma rappresenta un'opportunità di business per colui che la esercita, ci troviamo di fronte ad un vera e propria attività diretta a produrre ricavi, alternativa al pubblico esercizio ove vengono somministrati alimenti e bevande. Nonostante la diversità con le altre attività ricettive, l'avvio di un home restaurant all'interno di appartamenti in condominio può comportare tutta una serie di limitazioni simili a quelle dei B&B. Quindi, a prescindere dalla presenza di un regolamento, i proprietari che...

Leggi dopo