Homepage

Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Il conduttore risponde dei danni arrecati dall'occupante dell'immobile

28 Gennaio 2020 | di Redazione scientifica

Conduttore (obblighi)

L'occupante dell'immobile risponde nei confronti del locatore dei danni arrecati ai sensi dell'art. 2051 c.c.?

Leggi dopo
News News

Legittima l'opera realizzata senza il rispetto delle norme sulle vedute purchè venga rispettata la struttura dell'edificio condominiale

28 Gennaio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Distanze legali

Ove il giudice accerti il rispetto dei limiti di cui all'art. 1102 c.c., deve ritenersi legittima l'opera realizzata anche senza il rispetto delle norme dettate per regolare i rapporti tra proprietà contigue, sempre che venga rispettata la struttura dell'edificio condominiale.

Leggi dopo
Focus Focus

Legge di bilancio 2020: aspetti principali in campo immobiliare

27 Gennaio 2020 | di Maurizio Tarantino

Facciate

La manovra finanziaria per il 2020 contiene, tra le varie misure, anche alcune dedicate al settore immobiliare. In particolare, tra le ultime novità inserite c'è l'effettiva cancellazione dello sconto in fattura per Ecobonus e Sismabonus; sarà applicabile dal 2020 solo per gli interventi nelle parti comuni dei condominii per spese superiori a 200.000 euro. Per quanto riguarda invece gli altri Bonus, particolare importanza riveste il c.d. Bonus facciate. Infine, con la manovra, il legislatore è intervenuto modificando l'art. 3, comma 2, d.lgs. n. 23/2011 al fine di rendere permanente la riduzione al 10% dell'aliquota agevolata per quanto concerne la c.d. cedolare secca per i contratti di locazione a canone concordato.

Leggi dopo
News News

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni nei confronti dell'amministratore: legittima la condanna al risarcimento danni

27 Gennaio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. pen.

Responsabilità penale dei condomini

Non si applica l'attenuante della provocazione quando manca uno stato d'ira cagionato dal fatto ingiusto altrui. Difatti, il mancato pagamento delle prestazioni lavorative all'imprenditore non ha la caratteristica della ingiustizia obiettiva e tale ingiustizia non può basarsi sulla sua sensibilità personale dell'imputato.

Leggi dopo
News News

Compossesso: il comunista che possiede uti dominus non deve compiere atti di interversione

24 Gennaio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Usucapione delle parti comuni

In tema di compossesso, il godimento esclusivo della cosa comune da parte di uno dei compossessori non è, di per sé, idoneo a far ritenere lo stato di fatto così determinatosi funzionale all'esercizio del possesso ad usucapionem e non anche, invece, conseguenza di un atteggiamento di mera tolleranza da parte dell'altro compossessore, risultando necessario, a fini della usucapione, la manifestazione del dominio esclusivo sulla res communis da parte dell'interessato attraverso un'attività durevole, apertamente contrastante ed inoppugnabilmente incompatibile con il possesso altrui, gravando l'onere della relativa prova su colui che invochi l'avvenuta usucapione del bene.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Nulla la delibera assembleare che pone a carico del condomino sedicenti spese individuali

24 Gennaio 2020 | di Adriana Nicoletti

Trib. Roma

Spese (criteri generali di ripartizione)

Le attribuzioni dell'assemblea sono definite dalle norme che disciplinano il condominio ed altrettanto si può dire per quelle previste in capo all'amministratore. Ciascuno dei due organi, quindi, risponde del proprio operato in caso di decisioni che violano il diritto dei singoli. Se le determinazioni aventi ad oggetto la ripartizione delle spese si estendono ad oneri che non possono essere attribuiti, per loro natura, in via esclusiva a determinati condomini, l'assemblea in sede di approvazione del bilancio consuntivo deve rettificare eventuali errori. La sentenza ribadisce la nozione di spese personali, definendo i limiti della loro imputabilità ai singoli partecipanti.

Leggi dopo
News News

Ascensore esterno al fabbricato anche se riduce la veduta di alcuni e non rispetta le distanze dalle proprietà contigue

23 Gennaio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Barriere architettoniche

Il principio di solidarietà condominiale impone di facilitare l'eliminazione delle barriere architettoniche. Ne consegue che il condomino può installare l'ascensore esterno al fabbricato anche se riduce la veduta di alcuni e non rispetta le distanze dalle proprietà contigue. Nell'ipotesi di contrasto, la prevalenza della norma speciale in materia di condominio determina l'inapplicabilità della disciplina generale sulle distanze. Pertanto, ove il giudice verifica il rispetto dei limiti di cui all'art. 1102 c.c., deve ritenersi legittima l'opera realizzata.

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Canali di gronda: tubi d'acqua e loro diramazioni devono essere distanti almeno un metro dal confine

23 Gennaio 2020 | di Redazione scientifica

Opere sulle parti comuni dell’edificio

A seguito di intervento di sopraelevazione e di modifica della sagoma del tetto dell'edificio, possono essere escluse dall'ambito di applicazione dell'art. 889 c.c. il canale di gronda e i pluviali di scarica?

Leggi dopo
News News

Per modificare le tabelle millesimali non serve l'unanimità

22 Gennaio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Tabelle millesimali (modifica e revisione)

Posto che l'atto di approvazione delle tabelle millesimali, così come quello di revisione delle stesse, non ha natura negoziale, è legittima la delibera assembleare adottata a maggioranza qualificata ex art. 1136, comma 2, c.c. che disponga la ripartizione delle spese di manutenzione secondo criteri differenti dalle tabelle in vigore.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

L'opponibilità al terzo acquirente del provvedimento di assegnazione della casa familiare

22 Gennaio 2020 | di Vito Amendolagine

Trib. Salerno

Casa familiare: comodato e locazione

Il Tribunale di Salerno esamina la questione concernente l'opponibilità al terzo acquirente del provvedimento di assegnazione della casa familiare, già concessa in comodato ad uno dei coniugi dall'originario proprietario, con particolare riferimento all'ipotesi in cui la cessione del cespite immobiliare risulti essere intervenuta dopo il provvedimento giudiziale di assegnazione, ma prima della sua trascrizione nei registri immobiliari.

Leggi dopo

Pagine