Homepage

Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

È costituzionalmente compatibile la disciplina del termine di grazia, che non esclude la risoluzione in caso di sanatoria incompleta

03 Agosto 2020 | di Mauro Di Marzio

Corte cost.

Convalida di licenza e sfratto

Una volta concesso il termine di grazia, se il conduttore non riesce a sanare integralmente la morosità, cosa deve fare il giudice? Deve ineluttabilmente pronunciare l'ordinanza di convalida? Deve farlo anche in ipotesi in cui la morosità residua risulti irrisoria? Anche se, ad esempio, la morosità maturata all'udienza di verifica ammonti a diecimila euro ed il conduttore ne abbia pagato solo novemilanoveccentonovantanove? Oppure deve pronunciare sentenza dopo la trasformazione del rito?

Leggi dopo
News News

Mancata convocazione del condomino all'assemblea condominiale: chi è legittimato ad impugnare la delibera?

31 Luglio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Avviso di convocazione

La mancata comunicazione a taluno dei condomini dell'avviso di convocazione dell'assemblea condominiale rappresenta un vizio procedimentale che comporta l'annullabilità della delibera condominiale. Unico soggetto legittimato a domandare l'annullamento è il condomino pretermesso ex artt. 1441 e 1324 c.c.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Credito nei confronti del condominio: l'amministratore è tenuto a fornire la documentazione in suo esclusivo possesso

31 Luglio 2020 | di Katia Mascia

Trib. Milano

Amministratore (compenso)

La pronuncia del Tribunale di Milano consente di affrontare il tema del riparto dell'onere probatorio, temperato dall'esistenza del principio di origine giurisprudenziale della vicinanza dei mezzi di prova, in virtù del quale il suddetto onere viene ripartito tenendo conto, in concreto, della possibilità per l'uno o per l'altro soggetto di provare fatti e circostanze che ricadono nelle rispettive sfere di azione.

Leggi dopo
News News

La delibera condominiale non può costituire l'unico parametro interpretativo del regolamento sottoscritto dai condomini

30 Luglio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Regolamento Contrattuale (interpretazione e modifica)

Nell'interpretazione del regolamento condominiale, data la sua natura contrattuale, l'interprete ha il dovere di utilizzare i canoni ermeneutici del codice civile e leggere le clausole nel loro complesso, senza limitarsi alle singole disposizioni o cercare di ricostruire la volontà e l'intenzione delle parti contraenti.

Leggi dopo
News News

Condominio: l'acquirente risponde per i debiti pregressi?

30 Luglio 2020 | di Donato Palombella

Cass. civ.

Vendita dell’unità immobiliare

L'acquirente dell'unità immobiliare facente parte di un condomìnio può essere chiamato a metter mano al portafoglio e pagare i debiti sorti in data precedente l'acquisto? A prima vista il quesito potrebbe avere una duplice soluzione a seconda che sia visto con gli occhi del condòmino o del creditore.

Leggi dopo
News News

Sulla ripartizione delle spese per il portiere del Condominio

30 Luglio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Portierato (servizio di)

Nel Condominio, l’attività di custodia e di vigilanza è dal portiere svolta anche nell’interesse dei proprietari delle unità immobiliari accessibili direttamente dalla strada mediante autonomo ingresso e le spese del servizio di portierato vanno ripartite ai sensi dell’art. 1123 c.c., in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno dei condomini.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Molestie ai vicini di casa con segni e pugni

29 Luglio 2020 | di Maria Beatrice Magro

Cass. pen.

Responsabilità penale dei condomini

La sentenza in commento concerne un caso di condanna per molestie, consistente nell'aver inciso un segno minaccioso (una croce) dall'esterno di una persiana in legno di un vicino di casa, e di aver ripetutamente e nelle ore serali, battuto colpi contro la suddetta persiana, così da arrecare disturbo alla quiete pubblica e di riflesso, alla parte offesa. In merito, i giudici hanno accertato la lesività e ripetitività della suddetta condotta come disturbo o molestia alla quiete pubblica rilevante ex art. 660 c.p., anche in considerazione delle ore in cui i fatti si sono svolti, sulla base delle sole dichiarazioni della parte offesa che ha riconosciuto l'autore del fatto attraverso la videoregistrazione effettuata da una telecamera appositamente installata, senza richiedere ulteriori elementi probatori (quali la produzione in giudizio di foto o di video) a supporto.

Leggi dopo
News News

Danni da perdite idriche nel condominio: è ammissibile la domanda di risarcimento proposta verso la singola condomina?

29 Luglio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Impianto idrico e fognario

Nel caso di danni derivanti da perdite idriche provenienti da un tubo condominiale, il danneggiato può domandare il risarcimento alla singola condomina, nei limiti della quota, non ricorrendo il litisconsorzio necessario tra tutti i condomini ed essendo il risarcimento dei danni da cosa in custodia di proprietà condominiale sottoposto alla regola della responsabilità solidale ex art. 2055 c.c.

Leggi dopo
News News

Il regolamento condominiale non può vietare il distacco dall'impianto centralizzato di riscaldamento

28 Luglio 2020 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Distacco dall’impianto centralizzato di riscaldamento

La clausola del regolamento condominiale che prevede il divieto di rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento e di distaccare le diramazioni della propria unità immobiliare è nulla, sempre che il distacco non cagioni alcun notevole squilibrio di funzionamento dell'impianto stesso.

Leggi dopo
News News

Il Decreto Semplificazioni facilita l’eliminazione delle barriere architettoniche in Condominio

28 Luglio 2020 | di Maurizio Tarantino

Barriere architettoniche

Un condomino può realizzare a proprie spese interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche e interventi agevolati dal Superbonus 110%, anche servendosi della cosa comune, nel rispetto dei limiti imposti dal Codice Civile.

Leggi dopo

Pagine